domenica 28 febbraio 2010

Gelosia in aggiunta...

Ho dimenticato di aggiungere due cosette sotto...

1) Una volta scoperto il tradimento o ci si lascia o si dimentica...una vita di rinfacci non è vita.

2)Qualcuno dice, che nessuno appartiene a nessuno...sicuramente, ma pur essendo un sentimento irrazionale è anche una componente della passione e quindi non 'gestibile'.

3) La gelosia esagerata spesso è praticata da chi ha la trave nel proprio occhio e la riflette anche nel proprio partner.


P.S.

Se volete commentare commentate giù.

Gelosia ahiahiaiiiiiiiiiiii!

Avviso ai naviganti...Questo post non è indicato a chi 'possiede' un Aplomb inglese, autocontrollo, e le chiappe strette:)))...Scherzo eh!

Gelosia ahiaaaaaaaaaaa, che dolor!
Se l'invidia gratuita non mi appartiene , non posso dire lo stesso della gelosia. non sono una gelosa patologica e non sopporterei di essere oggetto di gelosia ossessiva... ma... non svegliate il can che dorme!
Non sono gelosa a prescindere, ma se scatta la molla, femmina d'onore sono. Da non confondermi, con quella che ha evirato il marito.

Ma trovo i miei sistemi di vendetta... se scattono subito è meglio, ma se ci penso ed elaboro, sono pericolosa.

Arrivo alle spalle.

Non sono una che urla in pubblico e non credo lo farei mai... mi piace stamparmi un bel sorriso in faccia. Una volta ad un mio ex , ho fatto fare al suo orecchio un giro a 360°. Stoico, non ha emesso un rantolo, un lamento... nulla. Ho sorriso alla dama che era seduta al suo fianco, che non si è accorta di nulla, poi l'ho preso sottobraccio e siamo andati via insieme... E finalmente... ha potuto gridare tutto il suo dolor anche perchè, gli è arrivato un calcio nello stinco, giusto per non far sentire figlio unico il suo orecchio.


Violenta? Nooo...ero più ragazza. Ora ho affinato la tecnica. Non c'è bisogno, di menare. Ma non lo dico o mi sputtano... :)

Non me la sono mai presa con un'altra donna. Salvo di recente. Ritengo che sia colpevole chi ti tradisce, non chi non ti conosce e per la quale non sei nessuno. Diverso è il discorso, se conosci l'amante o ti è addirittura amica... lì son augelli amari, per lui e per lei.

E' doppio tradimento.

Lì mi verrebbe di fare come la protagonista del video nel template... ma come dicevo prima, so aspettare...

Basta dare un aiutino al destino...

Se due persone si innamorano realmente, posso anche arrivare a comprendere anche se questo comporta comunque molto dolore. Ma se tradisci a prescindere o per motivi di egoismo personale, no!

Non ho mai fatto l'amante, credo non riuscirei a vivere serenamente un rapporto creando l'infelicità di qualcun'altra.

O essere causa io di rottura di un legame importante... a meno che, questo legame non si sia già 'rotto' a prescindere da me.

Ma non voglio giudicare, ogni storia è a se ed esistono delle eccezioni.

Sto parlando di me.

E non tollero l'amore senza un po' di sana gelosia... senza un po' di gelosia, non c'è passione... poi magari col tempo il discorso può trasformarsi, ma all'inizio e durante credo che mancherebbe il sale e senza sale, non c'è sapore.

Di recente mi è capitato di esser stata tradita. Ma non è stato il tradimento in se a sconvolgermi, ma le palle cosmiche che ho ascoltato e i comportamenti dei due.

Di solito da che mondo è mondo... chi è tradita o tradito urla o ha delle reazioni. No, in questo caso no. Non solo cornuta , ma anche mazziata. Lui arrogante e lei una vipera. Lei la vittima ed io la carnefice.

Lì per lì... per lo choc ho quasi subito... Poi piano piano sono uscita dalla nebbia. Inutile dirvi, che ho elaborato e già digerito, non senza prima degustare. Ah, la macchina nuova sul lato destro ha un' impronta di uno zoccoletto lanciato...ci sono cose che non hanno prezzo sono meglio di una Mastercard!

Le gatte morte, quelle con la vocina gne gne gne e la lacrimuccia che non scende mai, son le più pericolose... sempre detto io.

E non mi si venga a dire che siano di più gli uomini a tradire...a meno che non siano gay o bisex, con chi tradiscono?

Uomini e donne si equivalgono e non sempre è l'amore la ragione primaria.

Ritornando alla gelosia... si, lo sono. E non mi vergogno ad ammetterlo... una gelosa moderata che non va sfriculiata, (sfriculiata: svegliata, girata, provocata) perché non me la tengo.

Ora e mai!

Ora me ne ritorno a letto...ho la febbre, e stare nel letto senza dormire o fare 'altro' mi deprime, più di un paio di corna.
























































venerdì 26 febbraio 2010

Pensieri in libertà...


Qualche volta appare utile riflettere sulle cose che avremmo meritato di avere e non abbiamo ottenuto o sulle cose che abbiamo ottenuto con demerito.La questione potrebbe apparire fortemente scoraggiante, ma se non trovate la via d'uscita vi basta esclamare: CRISTIANO E' UNO STRONZO e ROSSANA E' UNA ZOCCOLA. http://www.youtube.com/watch?v=wzHMQQvEIRg&NR=1
Il che aiuta a farsi convinti che trovare un lato negativo nelle persone diverse da noi attutisce o vela il nostro senso di sconfitta. Diversamente non rimarrebbe che un dolce suicidio o assoldare un killer gentile (mai sopportato le morti violente).
http://www.youtube.com/watch?v=7YAEWrnOtrY&feature=related
Certo il rischio c'è ed è quello di schierarsi tout court dal lato opposto del fiume, credendo di essere nella sponda giusta. Ma l'occhio è sempre là: sull'altro lato del fiume. Un po' come l'erba del vicino... che è sempre più.... “cara”!!
una delle cose più belle che possa capitarci è quello di incontrare persone nei luoghi o nei modi più inaspettati ed è come un bacio rubato o mai dato. Il che renderebbe la cosa unica, sempre che non si abbia la tendenza a proiettare su queste occasioni tutto il proprio ego, anzi egò
http://www.youtube.com/watch?v=csuWJAqUY54
Non è poi così difficile comprendere che il numero minimo sufficiente, affinchè l'esistenza di ciascuno abbia un senso, sia tre. Adamo ed Eva docet.
http://www.youtube.com/watch?v=8tOWEJyaaqs
Ma nell'utopia di cercare il nostro Adamo o la nostra Eva, escludiamo tutti gli altri e chi ci sta intorno senza accorgerci di quello che potrebbe farsi proprio insieme a loro
http://www.youtube.com/watch?v=CVQorfIX84w
Ma se si ha la capacità di proiettarsi in avanti potreste vedervi seduti da soli al cinema e scegliere quale film vedere. Vi auguro questo:
http://www.youtube.com/watch?v=BW_-0H_u3RQ
P.S.
Questo post non è stato scritto da me, ma mi ritrovo molto nello stile e in alcune sue 'proiezioni'. L'ha scritto un mio amico, una persona che stimo tantissimo. Si chiama scaMarcio...
Unica domanda che mi pongo è : Possiamo effettivamente scegliere quale 'film vedere'?
E se tante volte fossero gli altri a scrivere la storia per noi, fino a che punto noi potremmo cambiarla?

giovedì 25 febbraio 2010

Un matrimonio tutto da ridere...


Io dovrei scrivere un libro sulle mie tragico/comiche avventure...me lo dicono sempre tutti. Credo che mi salvi la capacità di riderci sopra...Mi piace vedere l'aspetto anche comico di una situazione. Ho una vita double/face.

Il giorno del mio matrimonio fu di una comicità ineguagliabile...e lo può testimoniare :http://whisper-agatathecat.blogspot.com/
Venne da Roma per starmi vicina il giorno del mio matrimonio.

Per cominciare ero in pieno attacco di sciatalgia...il mio corpo mandava segnali;).

Il dentista mi aveva causato una pulpite...e avevo un mal di denti da suicidio.

Ero imbottita, di cortisone, antibiotici e antidolorifici vari.

Mio padre che già viveva in un mondo suo, mi girava per casa tentando di sedurre la collaboratrice...

Mia madre che prendeva accordi al posto mio, combinando casini.

Mia nonna che che si pavoneggiava e provava i bastoni da abbinare al suo vestito...

E gente, tanta gente che andava e veniva, telefoni e cellulari che squillavano ininterrottamente.

Il caos.

Il fatidico giorno mi piombò in casa il fotografo...un tipo che dire sui Generis è poco. Me lo aveva trovato mia madre.

Cercava di farmi mettere in quelle stupide pose da tisica imbalsamata...Fallendo su tutti i fronti...a muso duro gli dissi, che doveva farmi le foto nel modo più spontaneo possibile. Ma era insistente e seccante...E ogni mia amica , o femmina nel raggio di un metro era oggetto del suo corteggiamento lascivo. Ne fece le spese anche Aghata.

Meno male c'era lei...ridevamo come pazze.

Intanto mia nonna girava sbattendo il bastone d'argento ovunque , specie sulle gambe di chi gli passava vicino.

Mio padre, guardato a vista dalla ragazza o avrebbe divorato tutti i dolci messi in bella mostra sul tavolo

Mia madre con un sorriso simil paresi.

Regnava il caos...

Finalmente ci recammo in Chiesa.

Presi mio padre sottobraccio e salì i primi gradini...Sui gradini vidi Lui e la madre. Lui,commosso...la madre con la faccia degna di un soggetto di Patricia Cornewell ( famosa scrittrice di thriller).

Dissi al mio papà: Toccati le palle.

E papà , obbedì...non c'è mai stato bisogno di tante spiegazioni tra me ed il mio papà.

Finalmente cominciò la cerimonia e fu il delirio.

La cantante, figlia di amici di mia madre ( sempre mia madre eh!)...cominciò a cantare l'Ave Maria...dopo le prime tre note, fu un crescendo, di stecche imbarazzanti del tipo: Ave ee Maaa a a ri aaa... Calò un silenzio agghiacciante, persino il Sacerdote, smise di celebrare.

Sentii alle mie spalle delle risatine...E fu la fine! Ridevo io, ridevano tutti! Tranne mia suocera ovviamente.

Ogni tanto mi arrivava la voce di mio padre che diceva: Ma come canta questa, chi è?

Poi comincio il delirio del Sacerdote...Lo avevo pregato di fare una Cerimonia breve, per via di mio padre...Macchè...dopo tre quarti d'ora eravamo ancora signorina e 'signorino'.

Ad un certo punto pensò 'bene' di citare pure mio padre., suo paesano...

E mio padre incurante di tutto e di tutti e di dove era e perché c'era disse: Ma chi cazzo lo conosce questo!
PANICO! Mia madre e parenti tutti...Shhhhhhhhhhhhhh, stai zitto. E lui: Voglio andarmene mi sono rotto i cabasisi!

Al momento di pronunciare il nome del mio sposo allo scambio degli anelli, incespicai sul nome. Non lo ricordavo più, furono tre secondi di terrore puro, non ricordavo più il suo nome. E tutti a ridere...

Finalmente finì...e ci recammo al ristorante...La cerimonia era prevista su una bellissima terrazza che dominava la città...ma un temporale di quelli estivi e terribile, rese la cosa vana.

Fu sicuramente un matrimonio sui Generis, com'è un po' tutta la mia vita, ma devo dire che mi sono molto divertita. Contrariamente a tante persone, su certe cose preferisco ridere, inutile incazzarsi.
Gli unici ad esser tristi erano i parenti del mio ex...Ma sono tristi di natura poverini. Qualsiasi fuori programma li destabilizza. Noi invece siamo forgiati alle vere disgrazie e queste cose francamente ci divertono.
Ma dopo la morte di mio padre non ho più guardato il Video...quella sua aria persa e i suoi occhi sognanti non ce la faccio a 'reggerli'.
Preferisco concentrarmi sull'espressione di mia suocera e sentirmi sollevata che tutto questo sia finito.



P.S.

Già che ci siete toccatevi le palle anche voi :)
Le donne si tocchino le tette!:)





mercoledì 24 febbraio 2010

Sono costernata o costipata?


Dimmi, quando quando quando...Lo farei cantando questo post, stasera gira così . Ah riguardo al precedente post...forse scrivo in modo poco leggibile , ma ci tengo a rassicurarvi tutti, che ero e sono sincera nel dire, che non me ne frega un cavolo. Era un 'messaggio' mirato.

Non avete ancora imparato a conoscermi? Se mi arrabbio lo manifesto tranquillamente , come qualsiasi altra emozione...



Oggi ho collezionato una serie di figuracce...sono scesa dalla macchina, di fronte avevo tre tizi due uomini e una donna, mi hanno guardata, credo distrattamente all'inizio...ma quando ho messo i piedi direttamente in una pozza d'acqua...ho notato facendomi prima rossa e poi blu , il loro sorriso tra il divertimento e la 'pietà'. Meno male che ho cominciato a ridere, rido sempre in queste occasioni e faccio divertire pure gli altri.

Con gli stivali, che sembravo una papera, sono poi entrata nel supermercato e non ho preso il carrello.

Si, perché entro sempre con l'idea di prendere giusto due cose e poi manca poco che compro tutto il negozio compreso il salumiere e le cassiere.

Mi sono caricata, come un asino...avevo pacchi ovunque, sopra , sotto e intorno a me...Credo sembrassi una réclame della Michelin...Ovviamente, mi è caduta una scatola di pastina, mentre guadagnavo la cassa....Si è sparsa tutta per terra...pastina ovunque. E sono per giunta recidiva in quel supermercato. l'altra volta, ho rotto una bottiglia di pomodoro e sempre nello stesso punto.



Volevo impiccarmi in diretta. Li ho guardati con gli occhi spalancati, mi hanno guardato e mi sono messa a ridere...e loro con me.

Ma si, ridiamoci su! La risata è sempre contagiosa.

Poi ho realizzato, che non c'era il mio ex...E mi sono sentita doppiamente felice. Si...mi avrebbe cazziata, prima, durante e dopo.

Finalmente posso fare figure di merda in solitaria, senza che nessuno, mi guardi torvo. E devo dire, che sto migliorando...da quando sono single e non avverto 'Ricordati che devi morire' , combino meno guai.



Posso, cadere in tutta libertà...posso camminare pestando umani e non...e non avere mai l'ombrello in mano e bagnarmi fradicia.

Salire in macchina e ridiscendere un secondo dopo perché ho dimenticato le chiavi, che invece ho in mano. Posare il telecomando nel frigorifero e portarmi dietro il telefono di casa. Due giorni fa ho portato i cani fuori. Bene sono poi risalita, ma dopo un'oretta e passa ho notato che Pallina la piccolina non mi girava intorno. Ho girato in lungo e in largo la casa, il terrazzo...niente. Notavo che Ciccio mi portava verso la porta...E allora ho capito. Apro la porta e la povera Pallina era accucciata sul tappetino. Salendo, avevo chiuso la porta dietro di me, senza guardare se fossero entrati entrambi i cani. Eh si...ho sempre la testa tra le nuvole.

E per finire vogliamo parlare del Tapis roulant?I vicini e 'Ricordati che devi morire', credo ancora ricordino la botta. Ero alle prime armi...

Avevo messo una velocità sostenuta e avevo cominciato a sudare....Non ero abituata a quella velocità Ho pensato bene di sfilarmi la maglia per via del caldo, senza fermare la 'macchina' e lasciando entrambe le mani dall'appoggio...Avete presente un proiettile umano? Beh,io! Mi sono ritrovata scaraventata addosso ad un muro che avevo alle mie spalle, trascinando anche una poltrona. Tipo stampa da cartoni animati.

Insomma se ho la testa altrove sono una calamità naturale...e spesso ho trascinato nelle mie cadute persone innocenti...Ad una gita da ragazza feci cadere dalle scale del Duomo la professoressa di storia dell'arte, ma non fu l'unica.

E a casa di un poeta...rimasta sola nella stanza con due compagne ruppi il manico di un arnese antico che stava nel caminetto e giuro l'avevo solo sfiorato.

Ma non fatevi pregiudizi...col tempo ho imparato a limitare i danni. Siccome lo so...non tocco mai nulla a casa degli altri...quindi potete invitarmi tranquillamente:)






A no ni mi!

(Mia foto)

Cara Anonima e Anonimi in generale...

Stamattina ho trovato intasata la casella dei commenti. Commenti pieni di insulti, odio, gelosia...di tutto un po'.

Mi ero alzata non proprio col piede giusto ed invece, mi è tornato il sorriso. Ho goduto...ho sorriso e lo giuro sui miei cari, che tutto questo mi diverte.

Mi diverte pensare come roda il fegato a certa gente. E se gli rode significa che sei stata capace incosapevolmente di farglielo crescere come quello di una povera oca. Tra l'altro le oche sono animali molto intelligenti e che amo in modo particolare. Non vorrei si offendessero per il paragone.


Allora...mi è stato scritto, che avrei 45 anni, che sono vecchia, che non sono io nelle foto, che sono un cesso, che sono carina, che ho le tette cadenti, che sono pingue, che sono sono sono sono...Hai le idee tra l'altro confuse, deciditi!


Mi spiace informarti che non ho 45 anni...quanti ne ho è affar mio. Non ho le tette cadenti, e tra l'altro non le hai viste...Perché se le avessi viste, credo che il fegato ti sarebbe scoppiato insieme al cuore;)

Oggi e solo oggi parlerò di Voi e di te in particolare...già di te. Si perché so chi sei. Hai commesso un errore . Io ho il contatore...il contatore prende anche le visite anonime purtroppo per te.

A quell'ora c'era solo la tua, quindi ho visto la città dalla quale ti connettevi.

Ah, hai anche scritto che sei nonna e non credo proprio...se lo fossi stata, avrei già attivato i servizi sociali. Una nonna psicopatica col nipotino in giro non è una garanzia per la sanità mentale di un bimbo.

Sei innamorata di me, invidiosa, gelosa...cosa? Cosa vuoi da me? Tu e gente come te, rendete invivibile la rete. Siete la feccia e la spazzatura di questo mondo virtuale e non solo virtuale. Per colpa vostra dobbiamo blindare i nostri blog e alle volte le nostre vite anche reali.

E meno male che c'è la possibilità almeno qui di sbattervi la porta in faccia...nel mondo reale è molto più difficile.

Hai due possibilità. O ti fai curare o ti fai una SANA scopata e vedi che ti passa.

Con me perdi tempo. Non mi tangi...mi fai solo ridere.

Quindi se proprio non ci riesci a frenare questa ossessione compulsiva continua pure...Non mi cambi la vita...Ma ti do un consiglio, vedi di fartela tu, una vita se ti riesce. Cercate di appropriavi della vita altrui, perché la vostra forse fa troppo schifo.

La mia tra alti e bassi continua ,ma nei miei 'bassi', non me la sono mai presa con il prossimo.

Staccati dal PC e vai a vivere...qualcosa di buono può capitare anche a te, se solo smettessi di concentrarti sul prossimo.




martedì 23 febbraio 2010

Salto nel buio...

(miafoto/Io)

Avete mai provato a fare un salto nel buio? Ma non un salto , perché qualcuno da 'dietro' vi dà una spinta...Un salto nel buio, di quelli che vi siete cercati da soli.

Io l'ho fatto diverse volte...alle volte di di getto, senza pensarci, altre con rincorse lunghissime ed interminabili....e spesso senza paracadute.

L'ho fatto anche di recente. Sono sotto certi aspetti una vigliacca, mentre in tante altre situazioni, mi divoro il mondo.
In campo sentimentale sono una vigliacca...raramente ho lasciato un uomo. Ogni volta che ho provato e ho visto la sofferenza negli occhi dell'altro, anche se meritava di esser lasciato e volevo farlo , non trovavo il coraggio.

E' il mio tallone d'Achille.

Cerco sempre di farmi lasciare...mi rendo insopportabile...e ci riesco benissimo. Credo che in pochi mi battono. Non sono così 'perfettina' nella vita reale...sono molto come dire peperoncino...ma di quelli solo in apparenza dolci.

Ma nei miei futuri progetti c'è la volontà di migliorarmi. Anche perché l'ultima batosta sotto certi aspetti, mi vede ancora raccogliermi con il cucchiaino. Mi son fatta tanti di quegli scrupoli inutili...e intanto mi arrivava il pacco bomba. Chiamatelo orgoglio ferito, superbia...ma è così. E non so cosa sia peggio se soffrire per orgoglio o per amore. Di sicuro l'amore nobilita sempre tutto.

Quindi il mio è stato un salto con rinculo...solo che sul precipizio mi son fermata e qualcuno di dietro mi ha spinto...e sto ancora rotolando.

Ma tra una sosta e l'altra vivo e trovo pure rifornimenti, umanità, varia e bella...cosicchè tra uno un colpo e l'altro tiro un sospiro di sollievo.

Ma tutto questo non mi fermerà dal fare altri salti nel buio. Lo so, è una scelta oltre che un destino.

E sono sempre lucida. Non posso neanche assolvermi...non ho alibi di follia. Qualsiasi cosa giusta o sbagliata io abbia fatto nella mia vita, ne ero consapevole.

Come sono consapevole di trovare poche persone che mi somigliano. E non lo dico perché mi sento un' Eletta, anzi...ma posso solo correggere il tiro, ma non il bersaglio.

Un tempo facevo fatica a capire gli altri, ora li comprendo sempre di più. Non tutti son cuor di leone, ma non è colpa loro, ma neanche mia.

E allora mi riscopro ad adeguarmi, non adagiarmi...con tolleranza. Ma poi vado avanti...non voglio e non posso fermarmi. Ci sono soste che devono avere tempi brevi di riposo, perché niente torna e se torna è sempre troppo tardi.


I miei salti da ora in poi dovranno avere un senso è solo questa la differenza. Ha sempre un valore nobile il lancio nel vuoto, ma se posso scegliere e si può, si può sempre...vorrei atterrare in un campo di margherite, non in un campo di gramigna.


P.S.

Sto facendo forse post non troppo comprensibili ultimamente...ma vi assicuro che un senso ce l'hanno, almeno per me...e per chi mi conosce almeno un po'. A chi non mi conosce, chiedo scusa...ma per me tutto questo è molto importante.
Buon pomeriggio...vado a prendere una boccata d'aria...è 'uscito' il sole e di questi tempi, bisogna approfittarne.










lunedì 22 febbraio 2010

Un Uomo, una Donna...


Ci sono uomini, ci sono donne. C'è un uomo, c'è una donna.

C'è un uomo che sa leggere, una donna che vorrebbe esser letta.
L'uomo comincia a leggerla... lei è felice.

Ma l'uomo ad un certo punto smette di leggerla, la donna mette il punto e lascia tutte le pagine in bianco, così... di colpo.

L'uomo le chiede il perché, e la donna risponde che non ha senso scrivere se poi non viene letta. "Ma che c'entra",  risponde lui... "Io ti leggevo".
"Non è vero, avevi smesso", risponde lei. "Mi leggevi a singhiozzi e io faticavo a mettere punti, parentesi e virgole. Mettevo le parentesi e tu le riaprivi e, dovevo ricominciare tutto dall'inizio".

"Sono stupito" gli risponde lui. "Non me lo aspettavo questo da te".
"Vedi che non mi leggevi", risponde lei. "Io te lo facevo capire in tutti in modi".

Lui) Ma perché ti fai tutte queste pippe mentali non comprendi che uno ha i suoi momenti, problemi... ma che c'è, comunque c'è.

Lei) Anche io ho i miei problemi, ma per te ci sono sempre e affanculo i problemi.

Lui) Ma che dici, continuo a sentirmi, credo ferito. Da te non mi aspettavo questo.

Lei) Mi sentivo inadeguata, mi stavo appesantendo... Mi sentivo, mi percepivo pesante, mentre ti recriminavo le cose... ed è una sensazione orribile per me. Se arrivi a sentirti di troppo con te stessa, significa che qualcosa non va.

Lui) Ma queste cose le vivi tu, ti fai i film... io sono sempre stato così, forse un po' scontroso...

Lei) No, non eri così, prima.... c'erano volte in cui toccavo il Paradiso con te. Ora sono messa in un angolo e aspetto che tu, tra cazzi e mazzi tuoi, trovi il tempo di accorgerti che esisto.

Lui) Mi cascano le braccia... Io non la vivo come te, io sono sempre stato così, come oggi, come ieri... come sempre.

Lei) Devo ricordarti quando sei sparito così di colpo, per poi ritornare? Io ho sempre il terrore, possa riaccadere... E'  stata una sensazione orribile, che in realtà, non ho mai superato.

Lui) Zitto...

Lui) sospira...

Lei) zitta...

Lui) Se sono qui, secondo te sono indifferente? Ci sono rimasto male... l'hai premeditato.

Lei) Te l'ho detto tante volte che avevo bisogno di te... magari non in modo chiaro ma te l'ho fatto capire. C'erano volte che mi rimaneva a metà anche un abbraccio. Se esistesse un deposito di parole non dette credo che troveresti dozzine di parole sospese ed erano tutte per te. Sai quante volte me le sono portate a letto, lasciandole evaporare poi nel nulla, a metà tra i miei sogni e la realtà che ogni mattina puntualmente mi svegliava? Sono cambiata col tempo e non te ne sei accorto.

E ogni giorno mi dicevo... oggi forse andrà meglio. E ti cercavo... mi cercavi... ma sempre guardando l'orologio o altro.

Lui) Cado dalle nuvole...

Lei) zitta

Lui) Va bene... Ciao.

Lei) Ciao...


Il vero mistero, la vera differenza tra un Uomo ed una Donna è questa... nelle percezioni.

Un Uomo non fa giri immensi per 'arrivare' a te e da 'te'... tu fai giri immensi per tornare o arrivare a lui o da 'lui'.Una donna, prende la paletta e raccatta pure le virgole e i puntini sospensivi. Fa collane con le quali adornarsi cuore e cervello. L'uomo va dritto al sodo e sulle virgole e sui puntini, passa e spassa senza accorgersene.

Nessun torto, nessuna ragione... semplicemente questo.



Lei) Voce fuori campo...

Io qualche puntino l'ho lasciato a terra... se mi aiuti a raccoglierlo... Cazzo! Almeno chinati insieme a me, adesso o mai più.



Chiedimi se sono felice...


Chiedimi se sono felice...è la frase ricorrente ed anche un 'vecchio' film di di Aldo , Giovanni e Giacomo.

C'è stato un periodo nella mia vita, che usavo questa frase per tormentare due o tre persone...mi divertiva, ma era anche uno dei miei 'subdoli' tentativi per dire o non dire che alle volte stavo a caxxi.

In realtà non stavo ancora malissimo, c'erano momenti belli e meno belli come per tutti del resto, ma cominciavo a pormi delle domande e di fondo percepivo che qualcosa non andava come avrebbe dovuto.



Qualche giorno fa, l'ho riformulata ad un 'amica...le ho detto: 'Chiedimi se sono felice''...e lei ridendo: Sei felice? No, certo che no...ma l'ho detto ridendo. In effetti non ero molto convinta del mio No. A ben vedere le cose, era molto più brutto non dare un volto alla mia inquietudine di fondo. Ora so cos'era e conoscere il nemico è sempre meglio. L'altro giorno ho scritto in un blog, che a me fanno più paura le 'Bestie' e le puttane infrattate...quelle persone silenti e invisibili, che come il cancro ti piombano addosso quando meno te lo aspetti. Sono quelle persone che usano le maschere per ogni occasione...Sembrano pecorelle smarrite , bisognose di cure e di aiuto. E 'tu' ci caschi in pieno...un po' perché è la tua natura, un po' per sentirti potente.



Io sono una persona molto passionale in tutte le mie manifestazioni...Ma non amo le sceneggiate o le vendette da quattro soldi, ma mentirei se dicessi che mi lascia indifferente veder pagare ad ognuno il suo giusto prezzo...so incassare bene su determinate situazioni. Tanto che chi non mi conosce bene, pensa io abbia un buon autocontrollo sulle cose importanti. In realtà non è così, ho solo i miei tempi...mi prendo tempo per capire...nelle cose importanti della mia vita, non mi lascio andare al primo colpo di vento. Rimango sospesa come una funambola sul filo del rasoio.

Ma arriva sempre il momento in cui mi alzo una mattina e comincio a pianificare ed è lì che avviene la metamorfosi...non sono più passionale, non strepito e smetto di parlare inutilmente...capisco che non serve è fiato sprecato con determinate persone...ma sono tranquilla, li avevo avvisati . Ora è tempo di raccolta...

Divento cinica e guardo solo i cazzi miei...Ho incassato e metabolizzato a lungo. La migliore vendetta è affacciarsi alla 'finestra' e stare a guardare...non c'è bisogno di raccoglierle certe mele. Cadranno da sole ad una ad una...

Sono una 'vedova' allegra. E' finita la mia Quaresima.
Chiedimi se sono felice...



P.S.

Questo post è a largo spettro come per alcuni antibiotici...e' riferito a più cose e a più situazioni e persone.

Ogni riferimento è puramente voluto.











domenica 21 febbraio 2010

Niente di nuovo sotto questo sole ( Sanremo docet)


Ieri sera ho trascorso la serata da amici. A dire il vero avremmo dovuto cenare tutti a casa mia, infatti avevo preparato tutto, ma la bimba della coppia che ci ha ospitato era un po' indisposta. Io ho portato il timballo di pasta e melanzane, i carciofi e il dolce. La Padrona di casa ha preparato altro.

Una serata divertente. Abbiamo trascorso il tempo a ridere guardando e sparlando del Festival.

Ogni tanto fare un tuffo nel no/sense è gratificante.


1) Ci siamo chiesti chi è che consiglia la Clerici nelle scelte estetiche. Sembrava un tortello mal riuscito. Un lampadario a tre piazze.

Anche io ho il seno prosperoso come lei e mai mi sognerei di metterci pure sopra il tesoro di San Gennaro. Ma caxxo un po' di sano minimalismo no? Sarebbero già bastate le tette ad abbagliare.


2) Il regista ci ha fatto venire la Sindrome di Stendhal...inquadrature pessime e nevrotiche.


3)I cantanti...che dire...stendiamo un velo pietoso sul vestito di Noemi, che sembrava una versione della Clerici in versione pop.

Ma sia lei che MaliKa , Zilli e altri avrebbero sicuramente meritato di vincere il Festival non come poi è andata in realtà.

Io ai miei amici avevo pronosticato che sarebbe finita , come poi è finita. E non perché sono più intelligente, ma solo più disillusa...Sanremo non è che lo specchio della nostra Società. Se a Sanremo avesse vinto chi davvero lo meritava, avrebbe significato che in Italia era in atto una vera e propria Rivoluzione.

E invece no.

Ha vinto come sempre la mediocrità, i soldi , gli interessi economici e lo scambio di favori.

C'eravamo illusi all'inizio visto le giuste esclusioni, che forse sarebbe stato un Festival equo...Macchè, solo perle ai porci.

Unica vera Rivoluzione è stato l'atteggiamento degli Orchestrali, che per poco non si alzavano e andavano via.


Ha vinto la canzone dei Laghi...non si può sentire quel ritornello , no è osceno: Come se un giorno freddo in pieno inverno nudi non avessimo poi tanto freddo perché noi coperti sotto il mare a far l’amore in tutti i modi, in tutti i luoghi in tutti i laghi . Ma come si può far l'amore in tutti i laghi me lo spiegate?

Eppure Maria De Filippi l'ha reso possibile!

Da domani andremo a trombare in tutti i laghi da nord a sud, isole comprese.


Ora dipenderà dalle radio...ma anche no. Già, niente di nuovo sotto il cielo di Sanremo e dell'Italia tutta.

Inutile anche dire dall'anno prossimo niente più Sanremo, non lo guarderemo più. Tanto niente muterà...Ci sarà sempre qualche 'Principe' di troppo, un Valerio Scanu, un vattelapesca qualsiasi che ci renderà immortali come il Paese del tutto è possibile tranne quello che conta davvero.

venerdì 19 febbraio 2010

Pezzi di me.

Mia fotografia


Occhi persi...
Urlo in silenzio
distruggo stando ferma...
piango ma senza lacrime...
cancello e riscrivo
riscrivo e cancello
mi fermo e fisso il foglio
cerco l'ennesima sigaretta
squilla il telefono
parole parole...parole sempre uguali, ieri , oggi e domani.
cerco l'accendino, accendo e aspiro veleno.
Due occhi mi guardano...
è l'unico che comprende ogni mio sbalzo di umore.

Vi capita di voler dire una certa cosa a qualcuno e non riuscirci?
Io stasera avrei voluto dire ad un amico una cosa...mi è rimasta la parola in bocca...gli ho detto M...e lui...si?...niente.

E poi a mia madre...e lei, che c'è Nicole...niente

e poi ad Ale...che c'è Nicole? Ti avverto inquieta...silenzio.
e poi ad un' amica... che c'è che hai Nicole, sembra tu voglia dirmi qualcosa...ed io...nulla non era nulla.

poi ho incontrato due occhi neri, quello del mio adorato Ciccio( il mio labrador)...e gli ho detto: dai, vieni qui e abbracciami!

Il mio stupido e inutile orgoglio più di questo stasera alle ore 23.12 non mi ha concesso.

E poi come da manuale da persona contaddittoria quale sono, però lo scrivo.

Intanto in tv non so chi sculetta , quella che ha un bel culo...ah si Jennifer Lopez...
Telefonata da fare...Buonanotte

giovedì 18 febbraio 2010

I miei Gioielli!

Premetto che sono alle prime armi in fatto di Filmati.
Premetto che ogni volta che provo a filmarli, fanno pipì e pupù.

Premetto che la mia cagnolina è obesa perché ingrassa anche con l'aria. Ma è tanto dolce e buona.
Premetto che Ciccio sembra distaccato, ma è un simpaticone quando vuole.
Premetto di essere cosciente che questi Video in quanto a qualità sono penosi.

Ma immortalare i miei Gioielli, mi ha reso felice e tutto questo non ha prezzo, vale tutte le figure merdine del mondo:)






Dunque...per...di la;)


Ieri mi sono dilungata forse troppo nel cercare di spiegare il mio concetto , ma sostanzialmente volevo solo dire che non vedo differenze nei comportamenti negativi verso l'umanità ad opera di uomini e donne. Ognuno sceglie i propri tempi o le proprie armi. Ma non si puo' definire una 'categoria' meglio o peggio dell'altra.

Homo Homini lupus ''L'uomo è un lupo per gli uomini''.

E uomini non sta per maschio. Ma per genere umano.


Lo stesso dicasi per le varie razze e religioni.


Per quanto riguarda il mio uso della definizione 'Porco' era solo un tentativo , forse riuscito male di spiegare cosa intendo io per porco.

Porco è colui o colei che abusa o tenta di abusare fisicamente e non di un'altra persona non consenziente.

Fare sesso tra persone consenzienti non è mai sporco...come, dove e quando sono 'affari' del tutto personali, ( no pedofilia ora e sempre).

Questo non fa di me una bigotta, solo una persona libera di scegliere ed esser scelta come le pare...

Riguardo ai commenti...ho lasciato ampia libertà, stando attenta non si andasse oltre, anche se spesso il confine è molto labile.

Ma sono stufa di persone come:''ggiuggb7f6r4fe4ec4ec5cdv ''che vengono nel mio blog sempre con nick diversi per poi rompermi i babbasissi, atti a voler farmi scadere o cadere in facili trappole per delegittimarmi agli occhi di chi mi segue. Mi chiama megalomane...beh forse lo sono...ma non mi creo false identità, non ancora...quando mi spaccerò per Napoleone, chiamate la neuro.

Peccato, che sia lei e qualcun'altra/0, non abbiano compreso che io sono proprio così. Ho avuto un altro blog, che ho chiuso dalla sera alla mattina, senza colpo ferire...Non avevo più nulla da dire...e sarà così anche qui, domani, fra un mese , un anno, mai...chissà.

Ma fino a quando ne avrò voglia, uno , dieci, venti, cinquanta commenti, non mi cambieranno mai la vita. Non sto scrivendo un libro ed ho bisogno di pubblico pagante o vendere milioni di copie. Scrivere mi rilassa, mi aiuta....aiuta me, non voi. Se poi chi mi legge ne trae piacere, il mio piacere è anche doppio. Sentirsi comprese e anche 'amate' a chi non piace?

E mi piace anche agghindarlo il mio blog con foto, musica e altre piacionerie. Mi piace essere, ma anche apparire...questa è una 'casa' virtuale ed io ne ho cura come se fosse la mia casa reale. Ma non ho mai tirato nessuno per la giacchetta. Sono in grado di capire chi mi legge con interesse, chi mi loda senza convinzione, chi lo fa con sincero piacere...chi fa finta di leggermi e chi mi legge parlando la mia stessa lingua... l'Arabo'. E chi come Alessandra Ingrid, mi dice le cose in 'faccia'. Ma lo fa con garbo...e accetta anche le mie risposte. Qui le critiche son bene accette...non le gare.

Ma mi fa schifo chi poi va nel suo blog come l'innominata e costruisce appositi post per attaccarmi. Salvo omettere di volta in volta che ama cambiare spesso identità. Ora è un uomo.

E mi comincia davvero a stancare questo dover spiegare, quasi giustificarmi, o rettificare ogni volta. L'invidia è una brutta bestia...il peggiore dei peccati capitali, perché dall'invidia si passa ad un effetto domino del quale poi si perde il controllo.

Ma invidia di cosa? Al massimo posso cedere un po' di iella, mi aiuterebbe a perdere un po' di carico.

Nella vita si sgomita, qui si sgomita...ma cavolo, perché?

E mi rendo conto ora che sono alla fine di questo post di prendermi pure io forse troppo su serio. In effetti dovrei fottermene...da domani comincio. Oggi no, oggi mi va di incazzarmi.
P.S.
Un abbraccio alla mia 'Araba' di fiducia...Grazie
N.B.
Da oggi in poi saranno bannate le persone con multi personalità e 'proprietà'.








mercoledì 17 febbraio 2010

Dove pende la bilancia?

Forse è un post che non avrei dovuto fare oggi, perché ho mal di testa, nonostante l'Aulin, ma poi ci dormirò un po' su...Ma alle voglie non so resistere.
E ora ho voglia di scrivere.

Ci pensavo da giorni, da giorni pensavo e rileggevo i commenti di Klarà nel mio e nel suo blog:
http://chiara-di-notte.blogspot.com/

Penso che Klarà sia una donna molto intelligente e volitiva...e nonostante i toni a volti duri lasci suo malgrado trasparire una dolcezza di fondo che tende a sopprimere. Ma non è questo il punto...il punto è il suo atteggiamento verso gli uomini. Lei tende ad assolvere più le donne rispetto agli uomini. Forse dipende dalla sua cultura e dalle sue esperienze personali. Io , invece ho rispetto a lei, un concetto più 'Universale' sull'argomento. Per me esistono esseri umani che al di là del sesso, stato civile ed età sono la propria storia individuale. E la storia insegna che se Bruto pugnalava alle spalle...più tardi Lucrezia Borgia ne avvelenava qualcuno di troppo. Questo per dire che ci sono pessimi uomini e pessime donne...I peggiori tradimenti io li ho subiti dalle donne e dietro ogni donna c'era spesso un uomo e viceversa.
Mi sarebbe piaciuto avere una sorella e oggi questo desiderio è ancora più forte...la complicità tra donne che parlano la stessa lingua è ineguagliabile. L'ho provata e per essa sacrificherei persino l'amore. E forse dico così perché so essere cosa assai rara. L'altra volta ho parlato delle gatte morte...Ma esiste anche un'altra tipologia di femmina, ' l'Imbonitrice traditrice' Un mix tra un rappresentante Aiazzone e Bruto.
Sa vendere molto bene se stessa...nonostante sia un 'mobile ' di truciolato travestito da legno massello. Ed è saudente come Bruto ...si insinua nella vita altrui per arrecare danni. E sa farlo molto bene. Suo tallone d'Achille è la presunzione che la porta a strafare e ad essere prima o poi sgamata. L'equivalente maschile se si ha un occhio più attento è più facile da individuare, perché è più viscido e traspare. Quando cammina lascia la bava come le lumache.
Ma sto divagando...
Se volessi fare un discorso più approfondito sconfinerei chissà dove...Potrei parlare dei pregi e difetti degli uomini Europei, rispetto agli uomini dell'Est...Mia madre ha una collaboratrice Albanese. Ha trentanni , una bella ragazza bionda, gran lavoratrice e persona fidata. Ha persino le chiavi di casa. Sta con noi da dieci anni. Ha due bimbe e un marito che si gratta le palle dalla mattina alla sera. E così avviene nelle case delle sue sorelle e amiche. Le donne lavorano e i mariti bevono e bivaccano per le strade. Ha sempre gli occhi lontani e persi...eppure lo ama di un amore incondiziato.
Abbiamo avuto Russe ...stesso discorso se non peggio. I mariti tutti alcolizzati.

Preciso subito una cosa...io parlo di ciò che conosco...spero che nei loro Paesi di origine ci sia una realtà diversa, anche se loro mi dicono che la stragrande maggioranza degli uomini si comporta come i loro compagni.

Gli uomini Europei invece, salvo alcune eccezioni lavorano...escono di casa al mattino , tutti lindi e profumati , siano professionisti tipo: Avvocati, medici, professori etc etc o semplici operai o altro...
L'operaio ha più pensieri in testa ed è più affidabile dal punto di vista affettivo. Il professionista con i soldi oltre a lavorare tromba...che sia la segretaria, l'infermiera, la collega non si sa, purché si magni e si trombi.
Se ti va bene, ti stampa con il sorriso la sua salata parcella, ovviamente senza fattura e ti tranquillizza o meno sulla questione in corso. Se ti va bene alla fine ne dovrai cambiare due o tre di loro, per risolvere la stessa faccenda

E poi ci sono le donne anche loro grandi lavoratrici soprattutto fuori casa...Peccato che col tempo tra famiglia e carriera si siano indurite e incattivite. Il loro sguardo non è perso, ti oltrepassa...il che è ancora peggio. Non sanno fare più i biscotti, ma sanno tra un attacco nevrotico e altro risolvere faccende spesso spinose.

N.B.

Questi sono solo esempi...Il mondo non è solo questo, ma è anche peggio o meglio di questo. A qualsiasi latitudine si stia Nord/ Sud...Est ed Ovest...ci sono uomini e donne ognuno con la propria storia ed ogni storia è diversa o solo in apparenza uguale....Questo è un argomento che richiederebbe pagine e pagine di blog o di libri. Non è facile. Non siamo tutti brutti sporchi e cattivi...Siamo,... semplicemente siamo..

A costo di ripetermi, stesso discorso riguarda il virtuale...Ci sono i porci ed anche gli uomini perbene...Ma se ci sono i porci e a meno che tu non sia una minorenne o un'adolescente o incapace di intendere e volere...vorrà semplicemente dire che il Porco ha trovato la sua degna Porca!

P.S.

Io ho dato degli spunti...il resto completatelo Voi se vi fà piacere...ma con civiltà e soprattutto evitando di classificare...Siamo così diversi eppure maledettamenti tutti uguali, seppur con le eccezioni del caso.








martedì 16 febbraio 2010

Senza apparente senso


Ho sonno, fatico a tenere gli occhi aperti stasera. E' come se avessi corso senza fermarmi per ore e ore.

Ho anche voglia di scrivere, senza apparente senso...



Assenzio
essenza
assenza


lucciole
e lanterne


rosso vermiglio
di concupiscenza


finestre aperte sul mare
e treni in lontananza


fichi polposi rubati
carezze tra i capelli


sale di mare sulla lingua
yogurt alla fragola


chiacchiere in giardino
cocomeri e granite.


bicchieri di carta che fanno l'amore
mentre affogano nella cocacola


fammi sentire il profumo del tempo trascorso, anche solo per un attimo e anticipami il profumo del tempo che verrà
quello presente non ha odore e neanche sapore. Scorre veloce senza un perché.


E tu dov'eri quel giorno? A festeggiare la dimenticanza insieme alle pecorelle mai smarrite?
C'è chi non ha memoria e c'è chi ne ha sempre troppa come me.


Ho voglia di frittura di pesce
e spaghetti alla rupe
ma in assenza di te


e intanto in lontanza le barche in mare pescano
ci sono cose che non mutano mai
e altre che ancora possono sorprendere.


ho voglia di luna piena
mentre il cerchio si chiude


e che ognuno abbia ciò che merita, perché così sarà.



























































Violenza virtuale...

Difficile parlare di sesso, ma voglio provarci. Anche perché questo post è anche per dire altro...parto sempre da lontano quando qualcosa mi turba un po'

Il sesso ritengo sia una componente ( e già comincio male...componente:o) insomma il sesso è il motore di ricerca non solo più cliccato, cercato, agognato, desiderato, ambito della rete, ma sembra governare e decidere le sorti della nostra vita, ragion di Stato e della storia, dai tempi dei tempi...

Non sono una puritana, ma per quanto mi riguarda concepisco il sesso e l'ho già scritto un affluente importante di una relazione . Senza relazione, niente sesso e per relazione intendo un coinvolgimento sentimentale. Sesso x sesso non mi interessa...sono cerebrale e non potrei ' partire senza testa a seguito.

Ma non trovo nulla di male in chi lo pratica a prescindere. Ma ora voglio raccontarvi un episodio che mi è successo circa un mese fa.

Io sono anche su facebook...non lo apro spessissimo. Controllo giusto la posta , e qualche altra sciocchezzuola.

Bene...trovo un messaggio privato di un tizio, che si dice colpito per aver visto una mia foto cercando una mia omonima. Si avvia un breve scambio di messaggi, parlando di cucina, libri, filosofia. Il giorno dopo mi dà il suo indirizzo Skype e mi chiede la cortesia di poter scambiare due chiacchiere. Io accetto tranquillamente...lo faccio con chiunque, donna o uomo che sia...se capita. Non ci trovo nulla di male a scambiare opinioni e conoscenza. Anche perché non mi ritengo una sprovveduta e so come comportarmi o agire se è il caso. E non fornisco mai dati personali, se non mi fido, o conosco bene la persona. Su Facebook, non uso il mio vero cognome.

E poi vado molto a pelle e intuito...

E già avevo i sensori lampeggianti...

Il giorno dopo mi collego su Skype e lo trovo...

Lo chiamerò da ora in poi con un nome di fantasia: Sperminetor

Sperminetor: Ciao Nicole

Nicole: Ciao

Sperminetor: Allora, come va?

Nicole: bene

Sperminetor: Hai un viso molto interessante, potrei vederti intera?

Nicole: perché?

Sperminetor: Mi piace immaginarti tutta

Nicole: ah, ok...anche se...

Sperminetor: anche se, cosa

Nicole: non 'comprendo' ( in realtà cominciavo a comprendere)

Sperminetor: che c'è di male, la rete è una grande invenzione accorcia le distanze e fa si di velocizzare il tutto. Se ti avessi incontrata fuori, non mi sarei nemmeno avvicinato o tu non mi avresti dato retta.

Nicole: uhm

Sperminetor: Come sei vestita?

Nicole: è importante?

Sperminetor: Per me si...

Nicole: Gonna, maglia, stivali.

Sperminetor: di che colore?

Nicole: Nero, tutto nero...

Sperminetor: Senti apro il video e il microfono.

Nicole: Non è necessario, anche perché io il video non lo apro, se permetti.

Sperminetor: Ti sento fredda e acida

Nicole: No ( mi stavo in realtà preparando allo sprint finale)

Sperminetor intanto si mette in video col microfono. Non è brutto anzi...ma ha la faccia come ormai pensavo dell'allupato.

Sperminetor: Sotto cosa porti?

Nicole: me

Sperminetor: faresti l'amore con me?

Nicole: assolutamente no.

Sperminetor: Ecco sei banale come tante ed io che pensavo fossi una persona intelligente al passo con i tempi. Leggi? Nei libri avviene tutto a una velocità surreale...e tante volte noi vorremmo essere al posto dei protagonisti...E questo è un libro...e ci siamo io e te. Lasciati andare.

Nicole: Fatti una sega, ma al cervello. Addiè

Comunicazione chiusa e bannato a vita.

Le cose sono andate più o meno così...Non nascondo che ho provato un senso di schifo immane, ma anche tanta pietà verso un uomo che racchiudeva l'essenza della solitudine e del vuoto dei nostri tempi.

Non mi scandalizza l'idea che due persone possano fare sesso anche virtuale...Mi scandalizza la mancanza di tatto, la prepotenza, l'arroganza , la bestialità insita in alcuni soggetti.
Qualsiasi cosa si decida di fare in un rapporto sessuale, si è in due. Io ho scritto il dialogo...ma dovevate sentire che supponente, che arrogante e anche sottilmente violento verbalmente. Non mi vedeva, non gli ho dato foto particolari, non ho parlato di sesso o fatto allusioni. E' cominciata parlando di torte, cannella e cioccolata.

Con quale diritto uno stronzo si permette di prendersi simili licenze...E perché un uomo di bell'aspetto, si riduce a questo? Problemi 'idraulici'? Problemi mentali...cosa?

E come possono determinate donne non solo cascarci, ma 'innamorarsi' di tali individui? A me uno così fa solo schifo.

Ah mi ha detto durante il breve dialogo di avere una compagna. E magari con la compagna è il classico uomo zerbino che sfoga la bestia al riparo di uno schermo.
Pena e disprezzo, ma anche rabbia...lì per lì ho riso della cosa con i miei amici, ma poi riflettendoci ho visto la cosa sotto altri aspetti.
La violenza, non è solo fisica...spesso si presenta sotto altre forme... questo episodio, pur non avendo fatto danni, mi ha lasciato addosso un senso di sporco. mi sono sentita anche in colpa come da manuale.
Se non avessi dato confidenza...




















lunedì 15 febbraio 2010

Curiosità, amenità e non...per conoscersi un po'


Ho disabilitato i commenti al precedente post, perché era solo un voler puntualizzare una mia idea. Non voglio tediarvi oltre:)

Oggi mi va di parlare di cose più leggere , free.

La vita per fortuna non è solo dramma, pseudo drammi e psicodrammi. C'è anche e per fortuna il lato leggero, quello che smorza, ti permette di vivere giorno dopo giorno tra un sorriso, una nuova pettinatura, un vestito che ti piace e ti fa sentire bella , desiderata e soprattutto a posto. Quando sono in vena guardo le mie scarpe ( la foto del template è mia e quelle sono le mie scarpe). Ho una passione comune a tante donne per le scarpe e le borse. Ho usato tardi le borse...mi sentivo impedita, poco libera con una borsa in mano. Ora non potrei farne a meno.


Vesto prevalentemente di nero. Solo d'estate mi concedo i colori...ma senza esagerare...mentre mi piace vederli addosso alle altre donne. Ho un seno mediterraneo e i colori sgargianti su di me, mi fanno sentire più impegnativa.


Quindi tendo al minimalismo eccetto per gli accessori. Sono loro la nota di colore in più. Amo i gioielli ( non sono perfetta), ma pochi, non tipo festa di San Gennaro. Non rinuncio mai ai bracciali...Un anello per mano o anche solo uno. E orecchini, ma non sempre. Non uso le collane, come i colori, mi piacciono solo addosso alle altre donne. Amo solo le pietre bianche( non necessariamente diamanti) o l'onice nero. Oro bianco o argento. Sono allergica alla bigiotteria... ho un'allergia molto seria al nichel.

Uso solitamente i tacchi non altissimi...ma neanche tacchi bassi. una via di mezzo, salvo occasioni speciali.
Non uso pellicce e men che mai di animali. Preferisco i cappotti eleganti o sportivi e le giacche.

Preferisco un tubino nero, ad un abito da sera tutto lustrini e pailettes. Mi piacciono i tailleur sia eleganti che sportivi. Non uso camicie , ma le sostituisco con maglie camicie.

Mi piacciono i maglioncini stretti sotto giacca.

Non sono costante con l'uso delle creme...Uso solo tre profumi a seconda dell'umore : the bianco, muschio o mirra. Due sono di Bulgari e quello alla mirra è dei Coloniali.

Ne metto poco, non mi piace che il profumo si senta a dieci Kilometri di distanza. E non mi piacciono gli uomini che si profumano in maniera eccessiva. Mi piace avvertire il profumo quasi per caso e desiderare di sentirlo ancora.
Non sopporto le persone che si lavano poco e le persone che emanano cattivi odori ascellari. In questa epoca e nel nostro contesto sociale per me è inammissibile non lavarsi. Non sono una fissata della biancheria intima...ma non uso le mutandone di Bridget Jones...o total Black o total White...

Mi trucco in modo leggero...e non credo che in questa vita ricorrerei mai alla chirurgia estetica per motivi estetici. Invecchierò come natura crea, se destino sarà.
P.S.

Mi piacerebbe conoscere i vostri gusti...se vi va. Ah quella è Maria Grazia Cucinotta , non io...In comune abbiamo il tipo di fisico. O meglio, avevamo...credo sia giunta l'ora, di buttare i dolci nella spazzatura!:( Ora come ora sono più buona per essere spalmata sul pane :(((((((((((






Come da foto...


Ieri nevicava, oggi c'è il sole ma pare non durerà...Inutile,... un cielo luminoso rischiara anche dentro.
Vi ringrazio tutti per i commenti che mi avete lasciato.In fondo si cerca solidarietà nella condivisione. Trovare non un pubblico accondiscendente, ma che legga tra le righe e che si riconosca anche un po' o che ti dia una lettura anche diversa da quella che tu vivi in pieno.
Ho affrontato in questi giorni su altri blog, l'argomento GIUDIZIO.
Giudizio/ Giudicare...Un argomento in cui perdersi è davvero facile. Il confine tra chi Giudica e chi viene Giudicato e a sua volta Giudica è molto labile.
Troverete qualcosa sull'argomento anche qui:
http://it.wikipedia.org/wiki/Giudizio e poi navigando ho letto qui:http://blog.chatta.it/webberdj/10029751/Giudicare-%C3%A8-inevitabile.aspx.

Io resto della mia opinione, che si possa giudicare solo quello che si conosce realmente. Altrimenti è presunzione, superficialità.

Ecco perché mi incazzo quando qualcuno entra con una ruspa nella mia vita o in quella degli altri.

Se dovessimo giudicare tutto quello che i TG ci propinano su determinate situazioni o personaggi...un avviso di garanzia diventerebbe già una condanna senza appello. Non tutti quelli che ricevono avvisi di Garanzia sono colpevoli. Ti stanno solo informando che stanno indagando su di te...ed è facile finire di questi tempi dietro le sbarre anche da innocenti. L'avviso di Garanzia dovrebbe essere taciuto fino alla fine delle indagini.

Viviamo in un contesto vero o falso che sia, giustizialista. E succede nelle piccole e grandi cose.

Si finisce per creare caos....solo caos e magari , col rischio di Santificare qualcuno che diventa di colpo un perseguitato...e distruggere la vita invece di un Signor nessuno, che balza agli 'onori' della cronaca letteralmente catalputato e fagocitato dai media e poi dai vicini e parenti tutti.

Ho preso l'argomento forse da una prospettiva più ampia...

Ma è un tema che mi appassiona troppo.

Se non sopporti chi giudica, vieni tacciato/a per una persona che non accetta critiche. Le critiche ci possono pure stare, purché si fondano su fatti, non su illazioni o per sentito dire. Tutto il resto è per me 'Invasioni Barbariche'...violenza, invadenza e pressapochismo.

Mi si potrebbe obiettare che si giudica anche per un senso estetico ( vedi Kant)...Certo...sei io guardo un quadro posso sicuramente dire, se per me è bello o brutto. Ce l'ho di fronte!...non lo sto giudicando in base ai racconti di qualcun altro, ma in base al mio personalissimo gusto o cattivo gusto.

Diverso è giudicare a prescindere.

Quando mi si fa notare qualcosa, sono sempre contenta se ho da imparare o rivedere un mio comportamento sbagliato. Se invece mi si dice: Tu sei...Io vado in fumo. Io sono, ma anche tu sei ed essi sono...e allora? E allora prima di parlare,... associare conoscenza/pensiero ed infine parola.

Abbiamo già una spada di Damocle sulla testa...il temuto ' Giudizio Universale' non credete che basti già questo a condizionarci, dolente o nolente la vita?

P.S.

E per ultimo c'è una cosa forse la più importante...Non è tanto quello che si dice, ma come lo si dice. Un vaffanculo col sorriso ha sempre il suo perché....













sabato 13 febbraio 2010

Aspettando il rosso, l'arancio , il verde e... tanto giallo.


Per la prima volta da quando scrivo questo diario non so da dove cominciare...l'Anonima mi ha fatto riflettere, ma non come potrebbe pensare lei.

I suoi giudizi lasciano il tempo che trovano. Ma ho compreso che se racconto di me è giusto che almeno qualcosa si capisca e non solo si intuisca spesso sbagliando....e poi ne sento la necessità, ho bisogno che i miei occhi leggano con distacco quello che scrivo. Ho detto ad un amico che questo blog è per me anche una specie di testamento. Verba volant et scripta manent...voglio rimanga una traccia di me comunque vada la mia vita.

Non so da dove cominciare perché è facile anche non volendo cadere nella trappola del facile sentimentalismo o peggio ancora, pietismo. La mia vita è stata a colori. Ma nei colori si trovano sia il nero che il grigio e diciamo che negli ultimi tre anni questi colori hanno dominato la scena della mia vita.

Circa tre anni fa le condizioni di salute di mio padre peggiorarono...E mi trovai in un vortice più grande di me. Da una parte mio padre, mia madre e dall'altra la persona che avevo al mio fianco. Divenni una pallina da ping pong...qualunque cosa facessi risultava sbagliata. Non sapevo chi accontentare prima. Mia madre si beccò anche una depressione che la rese invasiva e ingestibile. Chi mi stava accanto reclamava il suo diritto ad essere in prima fila. E poi c'erano gli ''altri'', quelli che davano giudizi, senza sporcarsi le mani o smuovere il culo. Per alcuni, avrei dovuto abbandonare al proprio destino i miei genitori, per altri dovevo tralasciare momentaneamente il mio ex. Ho cercato di non scontentare nessuno, col risultato di deludere tutti. La mia vita era un continuo di telefonate ossessive da parte di mia madre. Di richieste culinarie e attenzioni quando ero stanca da parte del mio ex per saggiare il suo potere tra lui e mia madre. Mia madre era come invasata e non si accorgeva di arrecarmi danni, lui reso cieco dalla gelosia. Mia suocera che intanto se lo lavorava ai fianchi...I litigi con i parenti, che mettevano bocca solo per setenziare. Un inferno che non rende col racconto.

Un giorno mentre correvo in ospedale da mio padre , ricoverato d'urgenza mi sentii male in macchina. Cominciai a sudare, dolori al petto e senso di strangolamento. Fermai la macchina e chiamai lui...Ho creduto di morire, pensai di avere un infarto in corso. Fu l'inizio invece di attacchi di panico incontrollato. Per sei mesi vissi con la paura di fare un passo, di sentirmi mancare l'aria. Lui mi portò da una psicanalista che mi fu molto da aiuto. E con forza di volontà ne uscii...ma intanto avevo trascurato mio padre sempre più grave. Nel frattempo si ammalò anche il mio ex e mi dedicai anima e corpo a lui. Per fortuna si riprese senza strascichi ,ma ero in una spirale...Ero diventata un 'infermiera a tempo pieno, ma mal 'ripagata'.

Avevo sensi di colpa continui...pressioni continue da parenti che mi dicevano di fare poco o per i miei o per lui... in un crescendo assurdo. Nessun aiuto solo senso di inadeguetezza. E occhi assenti intorno a me.
Divenni aggressiva, rabbiosa...come un animale braccato...
Ogni mia richiesta di aiuto cadeva nel vuoto...

Poi mio padre morì...e quel giorno una parte di me morì con lui. Ma allo stesso tempo presi coscienza che la mia vita non andava e mi ribellai. E mi distaccai da tutto e tutti...ma cercando con tutta me stessa di scuotere chi mi stava vicino. Chi mi stava vicino invece di tendermi la mano...mi teneva buona con promesse , mentre si guardava intorno. E pensare che mi facevo scrupoli e non trovavo il coraggio di fare le valigie per non dare un dolore.

Ero un giocattolo ormai rotto. Infatti proprio ieri me lo sono di nuovo sentita rinfacciare. Ero stata perfetta per dieci anni, ma durante i due anni bui , non avevo più dato il massimo e non andavo più bene. Parole sue.

Morale della favola....Mia madre è guarita, lui è guarito, dimagrito e libero, mio padre si è liberato...ed io? Io sto imparando che prima di chiunque vengo IO...che farsi un mazzo così , perdendo di vista la propria vita non è giusto. E' un delitto verso se stessi. La vita è piena di vampiri pronti a succhiarti l'anima, e tante volte dietro quella maschera trovi le persone alle quali vuoi più bene. Tante volte ti fanno anche male inconsapevolmente, ma te lo fanno.

L'Anonima mi ha scritto che a sbagliare si è spesso in due...Ma è vero solo in parte...io credo invece che a sbagliare ci sia sempre qualcuno verso se stesso, come ho fatto io. Un bel calcio in culo senza pietà, avrebbe risolto molte cose.

Ora frequento solo chi mi fa stare bene, non voglio più vampiri attorno...Ho il rigetto verso le persone che sentenziano, che parlano giusto per dare aria alla bocca, ma non ci sono mai all'occorrenza.

E non cedo più ai ricatti morali e ai facili pietismi di chicchessia. Sono ritornata mite, ma decisa a fare la mia vita, non quella che gli altri voglio cucirmi addosso. Accetto consigli e pareri...non più giudizi. Io sola conosco la mia vita e qui posso raccontarla solo in parte.

E da quando mi circondo anche nel reale di anime a me affini , sto meglio...non ho risolto tutti i miei problemi, ci vuole tempo...ma sto ritrovando il mio animo combattivo e la voglia di riscatto personale...Ci sono ancora giornate velate di malinconia, ma ci sono anche giorni in cui riesco a ridere di gusto...Niente avviene per caso... ma ora per 'caso' vorrei solo un po' di pace...ed essere come un tempo quella con gli occhicheridono.

Anche il fatto di scrivere quasi liberamente quello che per troppo tempo ho trattenuto è un passo verso la libertà. A chi tutto questo non piace, può chiudersi la porta alle spalle, ma delicatamente.