martedì 30 giugno 2009

Uomini sull'orlo di una crisi di nervi...


C'era una volta il maschio...potrebbe iniziare così una favola di Fedro in versione moderna...in realtà al di là di ogni facile battuta, la verità non è poi così lontana.
Maschi depilati, truccati e con sopracciglia da gabbiani in fuga...profumati come puttane e mosci come un souflè riuscito male.
Occhi bistrati e denti da far invidia allo squalo più famelico.
Quando vado dall'estetista, sono lì in prima fila scalpitanti...
vestono solo griffe ed esibiscono addominali tartarugati...capelli gellati e occhi persi e fatui. Eppure...eppure presi ad uno ad uno, scopri tante insicurezze e sensibilità nascoste.
La moda li ha voluti così!
I media li vogliono e fotografano così
Il mercato li vuole così
Maria De Filippi, li vuole così
Molte donne li vogliono così.
E loro si adeguano....
E allora ti fotti, se non ti spalancano la portiera della macchina.
Ti fotti se ti invitano a cena e se ti va bene, ognuno paga per se...
Ti fotti, se sono da una botta e via...
Ti fotti, se molti di loro hanno perso di vista il sentimento
Ti fotti se preferiscono leccare i piedi di Lele Mora invece di andare a lavorare o a studiare.
Ti fotti se ti preferiscono alla mamma ( lei almeno gli cucina e gli tiene in ordine la roba)
Ti strafotti se sei ancora single ed hai superato abbondantemente i trenta.
La decadenza del maschio altro non è che una rivoluzione inversa...Il maschio si sta ribellando e ce lo dice così. (credo)
Che fare? Mica facile...Credo che ognuno debba trovare la risposta da se, se ci riesce e prendere provvedimenti.
Uomini, non depilatevi...al massimo toglietevi solo i peli sulla schiena ( se li avete).
Tornate a parlarci d'amore e offriteci le cene, ma solo per galanteria. Se non avete i soldi ovviamente il discorso cambia. I soldi li mette chi li ha.
Mettete pure un po' di pancetta che fa tanto orsetto. E abbiate il coraggio di mandarci a quel Paese se lo meritiamo...Ah siete orribili con le sopracciglie depilate, davvero poco virili. Curatevi , ma senza esagerare.
Insomma siate voi stessi e ritornate a mettere i pantaloni in tutti i sensi...ma ricordatevi che esiste sempre una Sana via Di Mezzo...'In fondo la storia insegna'...avete cominciato voi con la clava e tirandoci dai capelli. Quindi...cerchiamo di trovare un punto d'incontro.
P.S.
Ogni riferimento è puramente casuale.
E non sto facendo di tutta un 'erba un fascio, ma al di là del mio post semiserio, la realtà non è poi così lontana.

lunedì 29 giugno 2009

Il corpo delle donne (un titolo preso in prestito)

Ieri sono andata al mare come avrete letto ed ho portato una ragazza ad aiutarmi. Ha 31 anni è Albanese ed è con la mia famiglia da più di dieci anni. Aiuta mia madre e la ama ricambiata. E' sposata ed ha due bellissime bimbe.
Ha portato una sua amica ieri...anche lei Albanese , giovane e bella come lei. Due donne innamorate dei loro mariti , serie e fidate. Sfruttate dai mariti vagabondi e parenti al seguito. Quindi sfatiamo subito la leggenda, di Albanese= Puttane. Non ho mai conosciuto donne più serie di loro.
Poi ieri sera in rete ho trovato questo blog :http://www.ilcorpodelledonne.net/documentario/index.html
E ho fatto questa riflessione:
Da quando questa ragazza è con noi ho conosciuto molte di loro e tutte donne serie, che vivono e si comportano come noi , ma rapportate a 30anni fa credo.
Dedite alla famiglia , ai figli...a mariti padroni e suocere vipere al seguito. Si, tocca al primogenito maschio, tenersi in casa la mamma. La quale è una figura predominante...lei gestisce i soldi e la vita di tutti.
Questo mi ha portato a fare il paragone con noi, alle donne che siamo oggi.
E tirando le somme ho deciso che, non mi adatterei mai a vivere come Claudia, schiava di marito e parenti, ma che non mi riconosco nemmeno nelle donne di oggi.
Anche io ho la mia dose di narcisismo e civetteria...ma credo sia normale per una donna. Ma non mi ritrovo assolutamente nelle donne che i Media ci propinano ad ogni ora del giorno e della notte. Corpi sbattuti in faccia, visi grotteschi deformati dalla chirurgia estetica...bambole senza anima , messe li a ricordarci che tira più un pelo che una corda (scusate la volgarità).
Una Belen che si fa trattare da Mammuccari come una deficiente senza cervello...Ridono mentre sono offese e oltraggiate...
Una Loredana Lecciso che affida la sua vita ad uno specchio. E diventa la caricatura di se stessa.
L'elenco è infinito...Un condominio come amo definire di donne,che svendono anima e corpo senza alcuna dignità. Un condominio di donne dall'altra parte che le segue in tv e sogna di assomigliare a loro.
Dove stiamo andando?...Indietro temo, molto indietro. Ci sono state donne che in passato hanno rivendicato il diritto sacrosanto alla dignità, all'intelligenza ,al'affermazione dell'essere femmina e donna. Cosa è rimasto di quei sogni?
Tranne Emma Bonino e altre due o tre...chi ci rappresenta anche a livello politico? Ex veline e velone che spesso hanno seguito il percorso dalla camera da letto alla camera dei Deputati.

Guardate il video. Perdeteci un po' di tempo, lo vale tutto il vostro tempo.
Negli occhi di Claudia spesso leggo la tristezza di chi vorrebbe una vita diversa...negli occhi di una qualsiasi bambola dei giorni nostri, trovo solo il vuoto.
Perchè Claudia anche se infelice ha la sua dignità intatta ed è capace ancora di amare.

P.S.
Ovviamente negli ultimi quindici anni, anche gli uomini sono molto cambiati, ma questo è un altro discorso ancora. Ne parlerò in seguito.


domenica 28 giugno 2009

Nostalgie d'amore puro.


Anche stasera stessa prassi. Letto, insonnia e voglia di scrivere e poi dormire...Mi ci vorrebbe un cannone alle volte per stordirmi:)
Domani mare...ma niente spiaggia. Porto una signora che finirà di fare i lavori che non posso fare io, per problemi di affaticamento piede.
Io aiuterò un paio d'ore e poi mi metterò a scattare foto che scaricherò subito sul pc.
Ho male pure ad orecchio...insomma sono conciata per 'benino'.
Sto ascoltando questa canzone ora:
Chi ha visto di voi il film Saturno Contro...sa di cosa si tratta.
Non so perché ma questa melodia mi ricorda i miei periodi trascorsi al paese dalle mie nonne. I ritmi lenti e scanditi dalle chiacchiere, le partite a carte...e i vecchi signori con i cappelli Borsalino.
Gatte pigre e sonnacchiose adagiate sui davanzali delle finestre.
Voci di donne a rincorrersi da un balcone all'altro ed io che seduta a terra già viaggiavo lontano con una pesca in mano.
E nostalgie già trattenute dentro e curiosità da assolvere.
I baci di mia zia, le trecce della mia bisnonna e le caramelle all'anice da succhiare tra i denti. E l'indolenza tipica di una terrona D.O.C.
E lo sguardo a scrutare l'infinito del mare , tra gli odori di vita , dolori e passione a rincorresi tra lenzuole stese ad asciugare.
Notte

sabato 27 giugno 2009

Tenerezza e non solo...

Stasera niente uscita con gli amici...ho guardato due film su SKY uno dietro l'altro...prima un thriller e poi una Commedia sentimentale.
Belli entrambi...poi sono andata a letto...ma il sonno mi ha poi abbandonata strada facendo. Ah come invidio chi riesce a dormire senza problemi!
Il secondo film era un film tenero a tratti profondo, affrontava anche il tema della maternità e dei sentimenti.
Non ho figli, i bambini mi piacciono molto , ma credo di non far parte delle donne: 'un figlio a tutti i costi, quel che costi'.
Ovviamente non critico chi fa di tutto per averli, sono scelte personali. Ma se qualcuno dice che la vita senza figli è una vita senza senso, mi girano gli ZEBEDEI.
O peggio...quando qualcuno dice: Un matrimonio non BENEDETTO dai figli è un matrimonio inutile, gli ZEBEDEI fanno doppio e triplo salto mortale.
Ho sempre pensato che un uomo e una donna si scelgano a prescindere e che i figli siano un coronamento all'unione e che siano una scelta o il frutto spontaneo del rapporto. Ma che se questi per svariati motivi non arrivano non possano inficiare l'amore tra due persone.
E tanto meno esserne il collante.
Una mia amica Avvocato divorzista mi dice sempre che su dieci coppie che si separano , nove su dieci hanno figli. Alla faccia del collante!
Molte fanno cose assurde pur di sentirsi donne complete agli occhi del mondo. Come se una donna in grado di procreare fosse più femmina di una sterile o di una che ha fatto la scelta contraria per motivi personali.
Ammiro invece le donne single che decidono di avere un figlio ricorrendo all'inseminazione...o le ragazze madri che decidono di tenersi il figlio a costo di enormi sacrifici. Sono scelte di assoluto amore incondizionato.
Infatti la protagonista del film è una donna che decide di avere un figlio senza un compagno.


A questo punto vi chiederete cosa ci azzecca la foto con tutto questo discorso:) Bhe, stasera ho voglia di tenerezza. E questa foto me la trasmetteva...A dire il vero stavo per mettere una foto di mia nonna 96enne...pure lei mi trasmette tenerezza allo stesso modo. Ma questa immagine ispira una tenerezza passiva, assoluta. Poi c'è l'acqua che riconduce al liquido amniotico , insomma tutte mie elucubrazioni mentali.

Ora mi sta venendo sonno finalmente...vado a coricarmi e teneramente abbraccerò il mio Morfeo e ad esso mi abbandonerò.
E quello che deve esser sia.
Notte notte.

giovedì 25 giugno 2009

La tempesta perfetta.


Esiste una macchina perfetta in natura ed il è corpo umano. Pensate un po' abbiamo un cuore che batte e ci da vita , rallenta o aumenta il suo ritmo in base anche alle emozioni che riceve ...il mio adesso è leggermente accellerato per via del fatto che sto fumando. No non è la foto:)
La foto mi trasmette armonia e appagamento. E scusate se ci ritorno...anche incastro perfetto.
Cosa sono due corpi avvinghiati se non la conclusione di un percorso...ovviamente ognuno di noi sceglie il proprio.
Ma rimane come un momento unico, l'apice del mistero della vita. Si muore e si rinasce con la stessa intesità e velocità.
L'oblio dei sensi, ma non solo...
E' appartenenza , fusione, condivisione , possesso. Dare e ricevere quando è perfetto.
Pane e burro
panna e fragole
zucchero e cannella
arco e violino
Ho sempre pensato che un sentimento possa volare solo se c'è sintonia di amorosi sensi.
Altrimenti è destinato a morire molto tempo prima.
Il sesso rende complici...accorcia le distanze.
Bisognerebbe sempre far pace a letto.
Sesso e amore binomio perfetto...autoinganno, no no...non concepisco una vita senza amore tutto compreso.
Senza la ricerca della tempesta perfetta che si campa a fare? Non è poi neanche importante trovarla...è importante non smettere mai di desiderarla. E' la scarica di adrenalina per poter fare meglio tutto il resto.
Per morire c'è sempre tempo....per vivere no.





Corpo, ludibrio grigiocon le tue scarlatte voglie,fino a quando mi imprigionerai?anima circonflessa,circonfusa e incapace,anima circoncisa,che fai distesa nel corpo?
Alda merini

Chi è prigioniero l'anima o il corpo? Chi soffre di più, chi sente di più? È il corpo che patisce e gioisce o è l’anima che ne trae giovamento o sofferenza? L’anima, distesa nel corpo, è incapace di contenerne tutte le voglie. E la felicità, imperfetta, mai completa, rimane comunque una felicità dei sensi, della carne, della follia. Alda Merini e la follia.

mercoledì 24 giugno 2009

Pistacchio!






Mi sono sfogata a fare foto...ne ho fatte tante. Questa è una parte.
Cambiamo rotta decisamente.
Mi spiacciono le polemiche, ma covavo da un po'. Ringrazio chi ha partecipato alla discussione, ognuno ha detto la sua, chi con particolare passione, chi con calma, insomma ognuno in libertà ha espreesso la propria opinione. Chi non lo ha fatto avrà avuto i suoi buoni motivi.
Non so ancora cosa farò...di sicuro so, che mi piace scrivere è quasi vitale per me. Ora vado a prendere una boccata d'aria. Un gelato al pistacchio e poi si vedrà...Ciao

martedì 23 giugno 2009

E le sirene mi continuano a stare sul caxxo!

Dopo la rivolta della sirenetta Ariel Princess... http://ladonnaconlafinestrasulmare.blogspot.com/2009/06/ogm.html#comments
Mi aspetto la rivolta delle arachidi è il minimo visto le immagini intime date da me in pasto alla rete!

Deve girare erba cattiva in giro ultimamente...Ohibò!

Mancano all'appello Topolino, Paperino, Qui Quo Qua e il dado è tratto!

Sarei quasi tentata di chiudere baracca e burattini...Ma ho costretto mai qualcuno a leggermi? Ho mai dato giudizi personali nei vostri blog? Un conto è criticare me...per carità accomodatevi pure, un conto mettere in dubbio ciò che scrivo. Se (ammesso) scrivo che mio Zio è uno stronzo a meno che non lo conosciate, che aprite a fare la bocca?
E che caxxo!
Ieri qualcuno ha messo in dubbio la mia identità, oggi una mi scrive che i miei parenti hanno ragione. Ma che è !!!!???
Questo è un diario...c'è lo scazzo, l'attualità, i desideri, le speranze....c'è di tutto un po' di me. E a dare giudizi sono persone che non mi conoscono. Nessuno a parte due persone della mia vita reale conosce il mio blog...quindi, se la matematica non è un'opinione chi giudica non sa un cappero di me!
Tante volte sto zitta, raramente rispondo. Ma ora basta! Non so se chiuderò o meno, ma sono stufa di queste ingerenze nella mia vita. Ripeto, mi metto in gioco e ci stanno pure le critiche. Ma non permetto più si diano giudizi sui fatti che cito. Caxxo ne sapete di come sia la mia vita? Sono una persona come tante...mi diverto , mi incazzo...e durante il ciclo do pure di testa.
Ma ci sono cose di me che non sapete e allora shhhhhhhhhhhhhhhhhh!


P.S.
Un grazie a chi ha tentato di andare oltre insieme a me. Continuerò a visitarvi. Io non lo so se continuerò a scrivere. Magari mi dedicherò a scrivere per me...O è solo lo scazzo di un momento e domani torno a rompere i babbasissi a tutti, compreso alla Walt Disney al completo.



lunedì 22 giugno 2009

OGM


Non so se a voi sia mai capitato di trovarvi in quelle situazioni inverosimili...al confine tra il grottesco o ai confini della realtà.
Oggi la giornata era partita davvero male...nel pomeriggio ha avuto il suo picco massimo, in serata finalmente il sereno.
Ma non è questo il punto e neanche forse tutto sommato vi interessa.
Nel pomeriggio mi è successa una cosa assurda...mi ha lasciata stordita, confusa che se non fosse che poi è tornato un mezzo sorriso per altre cose, credo mi avrebbe molto destabilizzato. Mettere in dubbio senza possibilità di replica un qualcosa che non era come appariva. Il giustificarsi rendeva la cosa ancora più spiacevole e contorta. Come quando ti trovano in mano il coltello del delitto...ma non sei tu l'assassino, ma incautamente hai impugnato solo il pugnale. E fai l'errore pure di abbozzare una difesa...che poi sti cazzi, perché? E ci pensi dopo che dovevi solo lasciarti investire e restare in silenzio, che poi era l'unica cosa da farsi.
E allora a posteriori ti chiedi, ma ti eri fumata il cervello o cosa?
Il bello che potevi dimostrarlo pure di non essere 'l'assassina'...e potresti farlo in qualsiasi momento ti fosse richiesto...Ma di quante maschere è fatta la vita? Un numero illimitato, una per ogni necessità...Ma hai imparato una grande lezione : L'erba del vicino non è sempre più verde...coltiva il tuo orticello che è meglio. Solo prodotti biologici, non geneticamente modificati.
P.S.
Con stasera si conclude il viaggio nevrotico degli ultimi tempi. Sta per iniziarne un altro. E' cominciata la disintossicazione.

Il canto della sirena




Una Sirena mi guarda ironica. La guardo anche io e sorrido amara...



Sarai un po' stronzetta Sirenetta mia...Vai a cantare ed ammiccare da qualche altra parte...che io alle favole ho smesso da tempo di crederci.



Perché sorridi? Mi prendi per il Kiulo? Già... io sono il tuo peggiore affare. Però ne hai messo di impegno con me...ma sono capa tosta. Infinitamente cagacazzi.



E tu sei infinitamente falsa.



Falsa e Troia.



Io non seguo chimere, ma certezze.E tu lo sai che non mi tappo nemmeno le orecchie...mi piace il tuo canto. Mi piace , ma non per questo ti seguo in fondo al mare. Te la canti e te la suoni da sola.


Ritorna nel tuo mare e restaci...A pensarci bene, questa musica mi ha pure stancata.


E non illuderti perché l'incastro perfetto esiste...E' più raro del Sacro Graal, ma esiste!


E tu non puoi farci nulla...nulla!





domenica 21 giugno 2009


HO RICEVUTO QUESTO PREMIO DA http://darksecretinside.blogspot.com/
CHE RINGRAZIO CON AFFETTO!
PER RICEVERE IL PREMIO E' NECESSARIO:
-ELENCARE 5 DESIDERI
-ELENCARE 8 COSE DA FARE PER L'ETERNITA'
-DONARLO AD ALTRI 10 BLOG E
RIPORTARNE IL RELATIVO LINK
MI ATTERRO' ALLE REGOLE...
QUINDI COMINCIO DAI MIEI 5 DESIDERI:
DESIDERO
Più serate come quella trascorsa ieri con i miei amici di sempre
Le persone che amo sempre vicino a me.
I miei cani vivano a lungo.
Scrivere un libro
Fottermene delle cose che mi fanno stare male.
LE 8 COSE DA FARE PER L'ETERNITA' SONO...
Amare
mangiare
leggere
ridere
incuriosirmi
fare l'amore
vivere!
vivere!
vivere!
A MIA VOLTA QUESTO PREMIO LO ASSEGNO...
A chi ha piacere a farlo...

venerdì 19 giugno 2009

La chiave

Stasera ho preparato la torta per domani sera, festeggerò il mio compleanno con amici fuori casa e poi torneremo a casa per i dolci.
Finito il tutto ho visto un film e mi sono collegata con due amici in rete. Parlando di foto, ho trovato questa ed ho chiesto loro cosa ne pensassero. Ne è scaturito un dibattito interessante...ognuno di noi ha dato delle versioni sul significato metaforico e non della foto.


Io ho due versioni...

1) Una donna profanata nel corpo e nell'anima e abbandonata...ma senza che nessuno abbia trovato la chiave giusta per arrivare al suo cuore.


2) La solitudine, il vuoto interiore dopo l'abbuffata...l'abbandono. Cattedrale nel deserto dei sentimenti contemporanei.

Beh avrei altre versioni, ma non voglio darle...Queste sono le prime che mi sono venute in mente.


Mi piacerebbe che ognuno di voi desse la propria opinione, sarebbe interessante. Siete liberi di esprimervi...

Notte a tutti!

giovedì 18 giugno 2009

La passione


Cos'è l'amore
Cos'è la passione
Cos'è il possesso
Cos'è la gelosia
Ma la passione?
E' qualcosa che esula dall'amore o ne è un affluente o addirittura non c'entra un caxxo e viaggia da sola?
Ma se io provo passione per qualcuno significa che amo? O la passione brucia e divampa e poi muore con la stessa velocità di un fiammifero?
Ma anche la durata di un fiammifero ha una sua storia e nella sua storia c'è un amore così devastante e se vogliamo distruttivo che ha un culmine e una fine come la fiamma di un tizzone che illumina una notte senza luna.
Come un tango che nasce quasi in sordina per poi culminare nell'apoteosi di una musica trascinante e coinvolgente...fino a lasciarti stremato/a senza più forze e volontà?
Non ho risposte certe...non ne ho proprio. Ma per me è anche amore...non ci può essere passione senza amore e amore senza passione.
Indipendentemente dalla durata...
Tutto il resto è solo sesso...o peggio uno sfogo una botta e via per tacitare coscienza e assolvere doveri.
L'amore passionale (lo chiamo così, perchè ci sono diverse varianti di passione) è desiderare in modo quasi ossessivo l'altra persona, tormentarsi e struggersi.
Immaginarlo e immaginarsi in tutte le varianti possibili a letto, fuori dal letto...comunque, dovunque senza tregua.
Forse non dura a lungo perchè porterebbe alla tomba per sfinimento. O forse poi finisce perchè viene a mancare la voglia di reinventarsi ogni volta. Ma ripeto non è questo importante. Per me è importante sottolineare il concetto di amore_passione. Il possesso e la gelosia ne sono spesso l'appendice. Ma è un altro discorso ancora.
Qualcuno ha scritto: L'attesa attenua le passioni mediocri e aumenta le grandi. Infatti ci sono passioni che hanno resistito allo scorrere del tempo e alle avversità. Quindi il concetto è: Come è iniziata e perchè? Poi è ovvio il tempo deciderà...deciderà il grado di intensità e durata. Ci sono passioni che durano il tempo di un fiammifero...ci sono passioni che durano tutta una vita.
C'è anche una passione che esula dalla sfera sentimentale ed è quella che ti spinge ad intraprendere un'attività anzichè un'altra.
Per un genere musicale, per la scelta di un film o di un libro.
In fondo la vita tutta è governata dalla passione. In assenza della quale si muore ogni giorno di più.

mercoledì 17 giugno 2009

Si riparte...

Il mio ieri
Ancora passato prossimo

Il mio oggi...
Il mio domani è appena cominciato ma è ancora tutto da scrivere, vivere e raccontare...Ho avuto fin qui, una vita molto avventurosa, spinosa, gioiosa...di tutto un po'. Non mi sono fatta mancare quasi niente. Oggi compio gli anni...stranamente non mi sento triste come per i precedenti compleanni. Rassegnata? No... ormai consapevole che il tempo non si può fermare...ma lo si può solo rendere migliore qualitativamente o almeno provarci.
Quindi buon compleanno a me! Niente lagne quest'anno...chissà shhhhhhhhhhhhhh


martedì 16 giugno 2009

Anima

Solitudine
Ha una sua solitudine lo spazio
solitudine il mare
e solitudine la morte- eppure
tutte queste son folla
in confronto a quel punto più profondo
segretezza polare,
che è un'anima al cospetto di se stessa
infinita finita.


Emily DicKinson

lunedì 15 giugno 2009

Non solo film


Il Padrino 2

Il Padrino 3
Il Padrino fu il primo Film importante che vidi al cinema...Non era in Prima Visione, papà che lo aveva già visto, portò me e mio cugino che eravamo i più grandicelli del gruppo a vederlo.
Io ero nonostante la giovanissima età appassionatissima di cinema.
Mi persi in quell'atmosfera, così sapientemente narrata e filmata. Era sera , avevo gli occhi aperti come fanali e un'eccitazione addosso incredibile. Nonostante le tre ore e passa di durata, non persi una sola immagine di quel film.
Lo giudico un Capolavoro della cinematografia mondiale.
Recitazione al massimo dei livelli...Dialoghi superbi e atmosfere ricostruite magistralmente.
E' fatto così bene, che alla fine non ti rimane dentro, come capita spesso oggi con le fiction sulla Mafia, la sensazione che i buoni siano i mafiosi.
Anzi, ti addolori che un tipo come Michael Corleone possa essere un mafioso così spietato. E lo odi, perchè tanta intelligenza sia andata così sprecata.
Io che amo la Sicilia da impazzire...arrivavo ad annusarla la sua aria, e riuscivo persino ad assaporarne i sapori.
Gran lavoro anche i doppiatori italiani.
Ho amato tanto mio padre anche per questo...Per i film che mi ha fatto vedere; per i cibi che mi ha fatto gustare; per i colori che mi ha insegnato ad accostare. Riconoscere i tessuti e le maioliche più pregiate.
Che gran cosa i ricordi. In una sera d'estate come questa mio padre e' più vivo di prima...Questa volta è successo per un bel film , domani chissà cosa mi porterà... il vento della memoria.



domenica 14 giugno 2009

Caos e colori



Sono al mare, mi sono seduta al fresco del giardino...qualche macchia di vernice verde qua e la su di me...Mi fumo la sigaretta, il tempo di un post...mi faccio una doccia e rientro. Toccata e fuga oggi, per finire un lavoro.


Ho scelto questa foto perchè sono anche attratta da queste pozze di colori, dove in una località del Marocco usano come conceria per tessuti e pellame.


Ho scelto questa foto, perchè la mia vita è rappresentata dai colori e da un'apparente caos. Ora sono nella fase ocra, con riflessi d'arancio.


Dopo i due giorni di antracite è un bel risutato tutto sommato.


Ma sono ambiziosa, punto al rosso


Ovviamente dopo una lunga sosta tra azzurro e verde...con un riverbero di giallo /arancio


Di nero e grigi ne ho abbastanza


Per non parlare del marrone...il marrone è la condizione sempre più lunga e tediosa.



Sono convalescente , ma non sento più oppressione. Anche i miei cani sembrano accorgersene...ho ripreso ad inseguirli. A Ciccio ho appena colorato i baffi di verde.


E chi mi sta attorno si è accorto che la bufera è passata. Non vedo l'ora di trasferirmi i primi di luglio e darci dentro con lunghe nuotate. Mens sana in corpore sano. Mi devo sfinire , solo così potro mangiare i cornettoni giganti ripieni di SANO cioccolato Black and White...Sono così pieni, che la cioccolata cola ovunque.


Il tutto annaffiato da vero latte di mandorla. Ahahahah...Si , lo so ad ognuno la propria droga. La mia è fatta di zucchero. E non è un bisogno compensatorio da carenze da affetto...no no, mi piace proprio.


Pensate che durante un soggiorno a Positano con amici e allora fidanzato...fui oggetto di battute e risate ogni qual volta zuccheravo qualcosa. E non vi dico i cucchiai di zucchero per dolcificare una tazza di orzo o cappuccino. Ero additata persino dal personale dell'albergo.


Ho un sogno, ma al momento non lo dico...:)


Al momento mi accontento del mio metadone personale, una barretta di simil cioccolato. Ma è una condizione momentanea...aspettando tempi migliori.


La vita è un'attesa continua, fosse pure per un cornettone gigante. Ma non ho fretta, so aspettare.






sabato 13 giugno 2009

Di paletto in paletto...

Prima di uscire volevo lasciare questo post...Vi ringrazio tutti, ma è stato un momento particolare, altri ce ne saranno , come per tutti del resto.
Amo la vita, perchè sono una curiosa...passata l'onda anomala, ritorno ad essere una bastarda dentro....No no, scherzo, un po' stronzetta al massimo.
Stasera ritorno ad annusare l'aria e domani vado a finire di pitturare la cucina di verde al mare. Ho i miei infiniti Hobby da coltivare.
Voglio chiarire pero' tre punti:
1)Quando dico che non sento più certe presenze, mi riferisco a mio fratello e mio padre che non ci sono più.
2) Che se i miei parenti fossero state persone con cui si poteva dialogare, lo avrei fatto.

3) Alla fine ritrovo sempre la mia cima...perché non l'ho mai persa.

Buon sabato e domenica a tutti!

P.S.

Questo post non si commenta, Grazie:)





venerdì 12 giugno 2009

Oggi Serena non c'è

Dovevo uscire stasera...non me la sento. Dopo la rabbia rimango sfinita. Anche perché le cose poi hanno avuto un seguito. Ho detto quello che dovevo dire, con una certa cattiveria che non mi appartiene. Preferisco il silenzio.
Ma non potevo trattenerla, non posso sempre aver paura di ferire chi invece non si fa scrupolo di dividere sogni comuni.
Anelo il mio mare...la mia sedia in riva al mare. Il movimento del mare calma il mio caos. E come ritornare al sicuro della placenta.
Mi rafforzo nel silenzio e nella contemplazione. Aspetto che ritorni la vita dentro di me, per poi ricominciare.
Ma ora non sono al mare , sono a casa sul terrazzo. C'è tanta vita intorno a me, ma provo indifferenza. E sento un vuoto dentro che non riesce a colmarsi. Guardo il cielo è stellato...e mi domando se Dio esiste e se esiste perché non lo sento vicino. E se un giorno riuscirò a non voltarmi più indietro sentendo così male. Ci sono persone che non ritorneranno più nella mia vita...ma che sentivo intorno a me, le avvertivo e mi davano coraggio. Non le sento più, ed è la cosa in assoluto che mi fa più male. Perché mi hanno lasciato!?...Io non ero ancora pronta a far a meno di loro. Non so più a chi rivolgermi silenziosamente...


Odio sentirmi e parlare così...Questa è Nicole, non è Serena...Serena se ne strafotte...Serena è un Kamikaze è una che non piange mai e non si lamenta e va avanti...Ma Serena oggi non c'è.

giovedì 11 giugno 2009

La rabbia!

Oggi il mio stomaco è furioso come le onde che si infrangono e sbattono intorno a questo faro.
Ho detto agli amici e ai miei familiari, che non me ne fregava un cazzo se oggi non c'ero alla festa di laurea , ma mentivo era da giorni che lo facevo e quasi quasi mi
infinocchiavo da sola. Ma dovevo capirlo dalle barrette di cereali e cioccolato che cercavo e chiedevo con insistenza.
Oggi non sarò presente ad una festa di famigghia, per esilio volontario.
Li disprezzo dal profondo del mio essere.
Falsi , ipocriti e soprattutto cattivi e meschini.
Oggi fingeranno tutti di volersi bene...e di essere dispiaciuti per la mia assenza.
Ho amato moltissimo ognuno di loro , ma da tempo questo amore si è trasformato in disprezzo.
Urlo in silenzio...ma sto urlando....il mio stomaco con me.
Che male...
Li aspetterò ad uno ad uno al 'varco'...Dovunque sarò.
Penserete io li odia...no, molto di più...molto molto di più. Mi hanno rubato la fiducia e la fiducia non ha prezzo, non è negoziabile più una volta persa.
E continuo ad urlare, ma più urlo...più un giorno non lontano me li strapperò da ogni fibra del mio essere. Non gli auguro niente di male a parte essere un giorno ricambiati con la stessa moneta.
Si, strafogatevi intorno alla cena delle beffe e raccontatevi pure le favole e fate pure finta di crederci. Tanto vi pugnalerete uno con l'altro alle spalle. Tenetevi pure quello che mi avete rubato.
Io il mio Dio, lo troverò ad aspettarmi alla fine della strada. Il vostro di 'Dio' invece è seduto con voi al tavolo tra finti sorrisi, e vi cura e vi ingrassa come porcellini d'india...da sacrificare.
Ma loro questo non lo sanno...Auguri!!!

mercoledì 10 giugno 2009

L'incastro anche imperfetto.

A volte questo parlare di me, mi manda in crisi. Se mi rileggo il giorno dopo, mi trovo antipatica sembro una che si autocelebra. In realtà non è così, ma perchè dovreste fidarvi della mia parola?
Non mi conoscete, non tutti almeno. Per molti sono solo un nome, che tra l'altro non è neanche il mio...Mi chiamo Serena, Nicole è un bellissimo nome preso in prestito.
Diciamo che sono per metà Serena e per metà Nicole.
Parlo molto di me sul blog, forse perchè nella realtà non lo faccio. Qui mi sfogo, è la mia personale Agorà. Ci butto parte di me, i miei pensieri, desideri, sogni , emozioni...e condivido questo mio essere anche imperfetta. Quindi mi scuso, se alle volte posso sembrare saccente, o egocentrica. Del resto vi avevo già avvisato col titolo del mio blog...
Ne avevo già accennato, ma preferisco ritornarci sopra, per non lasciare spazio ad eventuali equivoci.
Ho avuto una vita molto intensa e credetemi se vi dico che mi modero nel raccontarmi. Passerei per una mitomane:)
Mi piace scrivere, ma non è detto lo faccia benissimo...ma è utile per me.
Ho cominciato a farlo, dopo aver sofferto di attacchi di panico. L'autocontrollo che avevo in eccesso su di me, si è frantumato una mattina, mentre andavo a trovare mio padre in Ospedale. Guidavo, apparentemente tranquilla...all'improvviso ho avvertito come un'oppressione sul petto, e un senso di strangolamento. Il mio cuore è partito a mille, sembrava la Cavalleria rusticana...Mi sono fermata ed ho fatto il numero di un mio cugino medico. Gli ho detto che stavo per morire d'infarto in mezzo al traffico. Sola come un cane, senza nessuno vicino. Ero ter ro riz za ta!
Lui mi disse di stare calma e mi tenne al telefono...Insomma per farla breve , raggiunsi mio padre in Ospedale, ma come paziente del pronto soccorso. Non mi riscontrarono alcun infarto o anomalia...ma fu l'inizio di un incubo, chiamato DAP ''Disturbi da attacco di panico''. Un non vivere ...la paura costante di stare male. Ma grazie ad una brava dottoressa, nel giro di un anno ricominciai a stare meglio. Sono trascorsi quattro anni da allora e non ho avuto più disturbi. Certo, ho i miei 'feticci''...mi porto sempre dietro la mia coperta di Linus, che altro non sono che delle gocce antipanico. Non le uso da quattro anni, ma saperle con me, mi aiuta. Ho un carattere forte, ma come tutti ho il mio punto di non ritorno e le mie fragilità.
Esiste l'incastro perfetto o quasi ? Io lo sto cercando tra Serena e Nicole e il resto del mondo
In natura le lumache sono ermafrodite alcune specie possono fare a meno volendo di un partner e vivere e riprodursi in perfetta autonomia. Ma volete mettere coadiuvate da un partner? Questo per dire...che non si può sempre pensare di farcela da soli...e che l'incastro perfetto è sempre il resto del mondo, perchè sembrerà strano dirlo di questi tempi... non è poi così male. C'è sempre qualcuno/a per il quale vale la pena di vivere anche se l'incastro non è proprio perfetto;)

P.S.
Questo post è dedicato ad un'amica speciale D.

martedì 9 giugno 2009

L'insostenibile leggerezza di me.

L'Accidia, dovrebbe essere tramandata di padre in figlio:)...Adoro galleggiare nell'insostenibile leggerezza dell'essere.
Come se la tira questa penseranno alcuni di voi...comprendo, ma è davvero così per me. Se posso indugio volentieri nel coltivare i miei 'vizi'. Ad una passeggiata in centro preferisco poltrire con un libro in mano o guardando un film. Alle chiacchiere inutili, preferisco la solitudine, o cercare notizie in rete. Preferisco ricevere in casa, piuttosto che spostarmi...e se mi sposto, preferisco i locali dove non c'è casino. La mia è una accidia atipica...mista anche ad egoismo forse e indolenza...Ma non la impongo. Di solito scelgo persone simili a me.
E' atipica perchè potrei stare immobile ore a guardare il mare o un paesaggio, ma l'immobilismo è solo apparente. In realtà...la mente viaggia a velocità della luce. La stessa cosa mi capita, quando mi siedo al tavolo di un caffè...osservo tutto in silenzio, apparentemente statica...in realtà guardo le persone e su quelle che mi colpiscono di più, imbastisco vere e proprie storie. Insomma la mia accidia è vigile.
E' il tempo che mi prendo per me, per capirmi e capire.
A voler essere onesta fino in fondo, io vivo d'accidia...è perenne. Non porto l'orologio, non so mai che giorno sia...e sapere cosa fare il giorno dopo ( tipo un evento) mi uccide.
Se potessi vivrei alla giornata...Ma so che ci sono cose da fare e che non voglio e non posso demandare e le faccio. Non andrei mai a dormire lasciando la cucina con i piatti ancora da fare, o le cose in disordine. Sono di contro molto efficiente in tutto.

Ecco la mia dualità...


Apparente contraddizione...tutto e il contrario di tutto. Sarà che sono una gemelli, sarà che sono semplicemente incasinata.


Eh già...

Sono felice abbia fatto centro De Magistris anche se per votarlo ho dovuto turarmi un po' il naso... per il resto lascio ad ognuno di voi libertà interpretativa non necessariamente su basi politiche.
Finalmente...è finita. Notte

domenica 7 giugno 2009

Di passaggio...

Sono molto stanca fisicamente. Da noi fa un caldo davvero pazzesco. Io lo soffro il caldo in maniera particolare , anche per via della pressione molto bassa. Sono una terrona atipica, amo il mare ma odio il caldo.
Tra l'altro non ho saputo dire di no e sono rappresentante di lista in un seggio, per le provinciali.
Ma chi me lo ha fatto fare? Potevo votare e poi andarmene al mare, invece di soffocare in una scuola con oltre 30°all'ombra.
Arrivo a casa e mi accascio sul letto morta. Acqua e zucchero a gogò.
Non ho neanche fame.
Domani pomeriggio inzierà lo sfoglio e spero non ci voglia poi notte inoltrata per finire.
Mi scuso quindi per la latitanza dai vostri blog...mi rifarò.
Tra l'altro da alcuni giorni, ho difficoltà ad entrare in diversi blog...mi dice che è impossibile, con google croome invece alcuni posso vederli.
Vorrei davvero fare una passeggiata sul molo...distendermi e svuotare mente e acido lattico da mala postura.
Riguardo al post sulla scuola, vorrei solo dire questo per concludere...
Non era un atto di accusa verso nessuno. Ognuno ha le sue responsabilità e ognuno si prenderà le proprie.
Ma l'educazione rimane primaria all'interno di ogni nucleo familiare. Che piaccia o meno.
Notte a tutti.

sabato 6 giugno 2009

Genitori e figli.

Di solito alcune considerazioni si mettono alla fine di un post, io le metterò all'inizio.
N.B.
Questo mio nuovo post non è un tentativo per dare lezioni a nessuno e non è riferito a nessuno in particolare. E' solo la mia esperienza come figlia e insegnante.




I miei genitori non sono stati perfetti, ma chi lo è in fondo... certo, avrei preferito mi avessero spiegato le cose con più pazienza e tanto altro. Ma di sicuro, mi hanno trasmesso il rispetto per le cose e le persone. Mai si sono intromessi nei miei litigi con altri miei coetanei. Ricordo un ceffone di mio padre, per aver aperto a casa di un operaio il frigorifero. A casa mi spiegò che dovevo rispettare la privacy degli altri, che se il frigorifero fosse stato vuoto, lo avrei messo in imbarazzo. Li per li, lo 'odiai'. Tante volte ho provato questo sentimento, così vicino all'amore perfetto. Ma col tempo imparai a decodificarlo.
Non mi hanno mai dato ragione se mi lamentavo di un insegnante. Ho scoperto sempre dopo, che andavano a parlare con loro a mia insaputa se era il caso.
Credo che questo tipo di educazione faccia parte della mia generazione.
Cosa sia cambiato dopo non lo so con precisione... E' cambiata la società , sono cambiate le donne è cambiato il concetto di famiglia.
Mia madre insegnava, eppure c'era... Io e mio fratello siamo cresciuti indipendenti. Ma cavolo i biscotti, trovava lo stesso il tempo di prepararli e la mia casa era un porto di mare. I miei amici erano accolti a pranzo e a cena.
Ora i compleanni si festeggiano altrove, le case non si devono sporcare e non c'è più tempo che basti per niente.
Eppure i papà sono cambiati in meglio. Molto più presenti nell'educazione dei figli.
Figli spesso impegnati, in scuola di danza, tennis, palestra, musica e Dio solo sa in cos'altro. Genitori sull'orlo di una crisi di nervi, impegnati a scarrozzare i figli da un posto all'altro. Non c'è tempo per parlare, per fare i biscotti e per niente. Tutti esauriti.
L'educazione viene demandata alla scuola. Ma a scuola con che bagaglio arrivano? Arrivano viziati, egoisti e strafottenti. La scuola deve solo fornire gli strumenti della conoscenza, non può educare, anche perché non gli viene permesso.
Se sgridi un alunno, il giorno dopo, ti piomba in classe il genitore che ti cazzia davanti al figlio/a. Ma non immaginate nemmeno le denunce a carico di insegnanti con le palle.
Vi ricordate il caso di Rignano Flaminio?
Insegnanti di una certa età accusati di pedofilia dai genitori. Ora spiegatemi in modo logico, come intere scolaresche potessero sparire all'insaputa di altre insegnanti e bidelli da una scuola. I media li massacrarono per poi fare marcia indietro. Onorate insegnanti diventate dei Mostri da sbattere in prima pagina. Qualcuno si è soffermato sul loro dolore? Sulla loro vita distrutta per sempre, per un'isteria collettiva?
Quando mi si avvicina un bimbo o un ragazzo per manifestare dell'affetto... divento di ghiaccio, mi scosto dolcemente, ma evito il contatto per il terrore. Al massimo do una carezza veloce sui capelli. Ho insegnato per cinque anni in una scuola di pretazzi. Bene, li il rispetto era al massimo. Li che volavano gli schiaffi e le punizioni severe da parte dei docenti non laici era tutto giusto. I genitori, felici e contenti... mah!
Siamo davvero messi male e non tutti al di fuori della scuola ne hanno percezione.
La cura? Meno passatempi inutili e più studio, meno concessioni e più rispetto. Tutti in grembiule fino alle scuole medie. Non avete idea dei casini e delle rivalità per i vestiti griffati. Io insegno sia alle elementari che alle medie. Bambine con i capelli già decolorati... minigonne attira pedofili e unghie smaltate delle mani e dei piedini in estate. Non si veste così una bimba caxxo!
Per fortuna ci sono famiglie meravigliose che danno ancora un senso e una speranza a questa società problematica.
Ma è ancora poco.

(eventualmente... continua...)

giovedì 4 giugno 2009

Qualcosa è cambiato


Sono sott'acqua e butto l'aria che ho dentro. Silenzio ovattato, sento solo la mia presenza, muovo le mani e le gambe e sento solo la pressione dell'acqua...nessuna angoscia, anzi mi sento protetta, l'acqua mi avvolge mi copre tutta, sono al sicuro , ora apro gli occhi e vedo l'azzurro dei mosaici , mi bruciano gli occhi e i polmoni cominciano a scoppiarmi...devo ritornare in superficie , ma non vorrei. Cominciano le bollicine, il ritmo del cuore incalza , faccio pressione sulle gambe e risalgo....chissà che nel frattempo qualcosa la fuori sia cambiato.




Nel momento che esco dall'acqua qualcosa è realmente cambiato di poco, ma basta fino alla prossima puntata.

mercoledì 3 giugno 2009

Guardate questo video!

E' solo un piccolo esempio della nostra scuola. L'insegnante rimane di sasso, impotente. E lo è !

La scuola è finita in tutti i sensi.


Era da tempo che volevo fare un post sul mondo della scuola. Non è facile direi quasi un'impresa affrontare questo argomento.
Partiamo dal 'passato remoto', quando la scuola aveva sicuramente insegnanti capaci , ma totalmente privi di di tenerezza e pisicologia. Una figura che incuteva più timore che rispetto negli alunni. Aveva carta bianca e spesso usava anche mezzi coercisivi , come le mani, le bacchette ed i ceci per riportarti ai più miti consigli. Ma le sue lezioni a forza o a ragione ti rimanevano in testa per sempre. Era visto dall'intera comunità e soprattutto dai genitori come un autorità insindacabile a cui portare rispetto.
Passato prossimo: l'insegnante tuttologo e super nozionistico quello che ti impartiva spesso le lezioni facendo leva sulla memoria, specie in storia e geografia. Se saltavi come è successo a me la lezione sulla punteggiatura, come me sicuramente ancora fatichi a mettere punti e virgole al posto giusto. Nel passato prossimo gli insegnanti non hanno ancora perso il loro prestigio, ma cominciano i primi moti di silente ribellione. Questi insegnanti ancora differenziavano le classi sociali. Facendo la differenza tra il figlio del dottore ed il figlio dello spazzino.
La mia maestra delle elementari, ricordo che fece la fila dei ciucci, una dei bravi ed una intermedia . Spesso alzava le mani.
Presente: Insegnanti scoglionati, spesso anziani ,,,alcuni diplomati per virtù dello Spirito Santo, o laureati per meriti non precisati. Dirigenti scolastici allo sbaraglio che invece di fare il loro lavoro, fanno i contabili e cercano di far quadrare i conti. Non nominano le supplenti perché non hanno i soldi o non li vogliono spendere per questo motivo. Classi numerose e allo sbaraglio.
Genitori che affidono i loro figli credendo che solo la scuola abbia il dovere di inculcare loro l'educazione che gli manca. E chi fa invece questo lavoro con serietà e dedizione, si ritrova a fronteggiare Bulli e Pupe che non puoi sgridare , figuriamoci toccare, pena sputtanamento a mezzo stampa, denunce o alla peggio calci in culo da alunni e genitori.
Se vi sembro esagerata, non siete mai stati in una scuola o parlate senza conoscere questi problemi.
Ci sono sul nostro territorio, scuole ad alto tasso di delinquenza. Ti ritrovi in classe di tutto. L'ultima mia supplenza mi ha segnato.
Ragazzine che mi sfidavano...una mi ha chiamato persino PUTTANA, solo perchè le avevo impedito di andarsene in giro per i corridoi indisturbata e ha cercato di accoltellarmi con un coltello di plastica.
Ragazzi che avevano bisogno del sostegno per non dire di peggio, abbandonati a se stessi perchè non c'erano i fondi per pagare tutte le ore di sostegno. Facevi lezione se ci riuscivi, con una ragazzo da tenere da un braccio, altrimenti avrebbe picchiato selvaggiamente i compagni, baby lolite che ti sfidavano e quei quattro o cinque che volevano realmente studiare, impotenti e disperati più di noi insegnanti. Pensate che una supplente di lingua inglese, si fece venire un malore e preferì rinunciare ad un lungo incarico piuttosto che restare in quelle classi. La Dirigente una bambola impotente e incapace...l'importante era ed è non perdere nragazzi nelle classi. Nessuno ha le palle di fronteggiare pessimi genitori e nessuno racconta le cose come stanno.
Non sono casi isolati purtroppo. La scuola è finita , la scuola è come un cane che si morde la coda. Le colpe? Di tutti, nessuno escluso. In primis i vari Governi. Ce ne fosse stato uno che abbia fatto un lavoro almeno discreto. Volete la verità sull'insegnante unico? In realtà sarebbe un'ottima idea. Perchè credetemi più insegnanti è solo caos ed in realtà non c'è sinergia nel team insegnanti. Il team nacque per dare lavoro. Si toglie e si aggiunge ad ogni Governo. I Sindacati? I sindacati dormono e se ne fottono in realtà.
Gli insegnanti di religione? Via, tutti a casa per il mio modesto parere! Inseriti perchè secondo voi?
Potrei continuare all'infinito, ma vi annoierei. Ma ci ritornerò sull ' argomento.
P.S.
Ovviamente, ci sono ottimi insegnanti , ci sono buoni dirigenti e famiglie che seguono come si deve i loro figli. Ma sono pochi di numero. Questa è la realtà amara.

martedì 2 giugno 2009

Per giocare un po'

Mi è stato passato il testimone dalla dolce Zoe http://giardinodellestelle.blogspot.com/

Ci sono delle regole da rispettare:si devono elencare 5 desideri Glamour ed ancora 8 cose da fare prima di morire....e da ultimo si devono nominare altri 10 blog. Dunque i miei 5 desideri:

Bene cominciamo da quelli Glamour:
Prendere l'aereo e andare a Zanzibar
Trascorrere una giornata in una pasticceria siciliana
Comprare nuove bottiglie in vetro (antiche) per la mia collezione
Farmi fare un massaggio lungo un giorno e addormentarmi così
Passeggiare a Positano


8 cose da fare prima di morire:
Una lunga nuotata in mare
mangiare il mangiabile di dolci
scrivere una lettera alle persone che amo
giocare con i miei cani e la mia gatta
regalare le mie cose
chiedere scusa
fanculizzare anche, ma perdonando
fare l'amore e poi addormentarmi così per sempre...


Passo il testimone a tutti i miei amici...dai è una cosa carina, serve a farci conoscere nel bene e nel male un po' tutti. E poi giocare ci distende le rughe:)

L'amore prevedibile.


A me l'amore mi rende prevedibile...Prendo in prestito le parole della canzone in sottofondo nel mio blog, per parlare ancora d'amore. Sono tornata dal mare, c'era brutto tempo, i cani erano costretti a stare in casa, niente giardino, tutti mogi. E allora tanto valeva ritornare in città, la casa è molto più grande...In macchina ho ascoltato la canzone di Tiziano Ferro...e poi a casa, su un forum in rete ho letto: Cosa pensate della monogamia? E ho collegato il tutto, con i miei soliti giri mentali...
L'amore per me è monogamia, senza ombra di dubbi. Si puo' voler bene a più persone, ma se ne ama una. Io sua, lui mio. L'amore è possedere , si lo so...sembra quasi una bestemmia questo verbo. Ma per me è così...possedere corpo e parte dell'anima di un'altra persona. Tutto il resto non c'entra nulla è un'intrusione. Mosche fastidiose da eliminare. Quando ti innamori veramente lo escludi quasi il resto del mondo e se non lo escludi ne fai una cornice. Ovviamente parlo di me...questo è solo il mio modo di vivere un rapporto. Ore pigre e lente sdraiati a parlare, ridere e a litigare di nulla. Mani tra i capelli , dita che scorrono a pennellare un corpo che vivi solo come tuo. Gambe intrecciate , fughe e ritorni in un nano secondo. No, non c'è posto per nessun altro o per nessun' altra. Fantasie da assolvere in due finchè dura... un giorno , un mese, per sempre... Crisi da superare perché ti rendi conto che tutto il resto sarebbe niente senza di lui. E dirò di più...mi piace pensare che lui sia li pronto a risolvere i miei problemi...il mio Uomo ed io la sua Donna. Mi suonerebbe male, i miei uomini...
Sesso? In due rigorosamente in due...In due si può pure essere in cento volendo. Due corpi fusi e in sintonia possono sopperire ad un gruppetto attorcigliato che fa ginnastica da camera in assenza d'amore.
Essere schiava, padrona, complice, tutto...Scegliere un vestito che sai gli piacerà...Ovviamente lui farà lo stesso per me.
Tutto questo, non perchè sia scritto da qualche parte...questo è il mio modo d'amare e non intendo cambiarlo. Questo è il mio concetto d'amore. Se l'amore finisce, il discorso è diverso...Si ricomincia se si può e si vuole. Ma amare due o più persone contemporaneamente non è per me possibile e non è possibile per me scegliere un uomo che la pensi diversamente da me. Eh si, l'amore rende prevedibili....io lo sono forse...ma voglio ridere in un certo modo ed essere fuoco e luce solo per un faro.
P.S.
La libertà è tale, quando non si avverte il bisogno di violarla per una porta chiusa a chiave. La libertà non è in mezzo alle gambe...la vera libertà è solo nella testa.