lunedì 22 giugno 2009

OGM


Non so se a voi sia mai capitato di trovarvi in quelle situazioni inverosimili...al confine tra il grottesco o ai confini della realtà.
Oggi la giornata era partita davvero male...nel pomeriggio ha avuto il suo picco massimo, in serata finalmente il sereno.
Ma non è questo il punto e neanche forse tutto sommato vi interessa.
Nel pomeriggio mi è successa una cosa assurda...mi ha lasciata stordita, confusa che se non fosse che poi è tornato un mezzo sorriso per altre cose, credo mi avrebbe molto destabilizzato. Mettere in dubbio senza possibilità di replica un qualcosa che non era come appariva. Il giustificarsi rendeva la cosa ancora più spiacevole e contorta. Come quando ti trovano in mano il coltello del delitto...ma non sei tu l'assassino, ma incautamente hai impugnato solo il pugnale. E fai l'errore pure di abbozzare una difesa...che poi sti cazzi, perché? E ci pensi dopo che dovevi solo lasciarti investire e restare in silenzio, che poi era l'unica cosa da farsi.
E allora a posteriori ti chiedi, ma ti eri fumata il cervello o cosa?
Il bello che potevi dimostrarlo pure di non essere 'l'assassina'...e potresti farlo in qualsiasi momento ti fosse richiesto...Ma di quante maschere è fatta la vita? Un numero illimitato, una per ogni necessità...Ma hai imparato una grande lezione : L'erba del vicino non è sempre più verde...coltiva il tuo orticello che è meglio. Solo prodotti biologici, non geneticamente modificati.
P.S.
Con stasera si conclude il viaggio nevrotico degli ultimi tempi. Sta per iniziarne un altro. E' cominciata la disintossicazione.

20 commenti:

  1. una lezione che dovrei imparare anch'io!

    RispondiElimina
  2. Si si insisto è l'aria,infatti mi è successo un qualcosa di simile,assassino senza esserlo,almeno fatemi divertì.

    RispondiElimina
  3. provo a evitare i coltelli oppure uso una pistola..se devo essere aggredito per non aver fatto "nulla" almeno so difendermi.Ciao Nicole,

    RispondiElimina
  4. Ah abbiamo avuto una giornata bella intensa...

    RispondiElimina
  5. Un resoconto molto personale di un fatto che ti è accaduto. Esternare quello che sentiamo, quello che ci disturba, aiuta ad affrontare meglio le situazioni analoghe che, certamente, si ripresenteranno nel corso della vita.
    Un sorriso.

    RispondiElimina
  6. l'importante è non fermarsi....

    RispondiElimina
  7. più che la vita, siamo noi che indossiamo troppe maschere e alla fine sbagliamo e ci confondiamo anche su quella che ci sta meglio!
    come diceva pirandello siamo UNO,NESSUNO E CENTOMILA...ci illudiamo di essere qualcuno, ma basta un cambio di scena, una scossa diversa alla nostra vita per far crollare le nostre certezze e accorgerci che dietro quella maschera ce n'è un'altra ancora...

    trovarsi con il pugnale in mano anche se non siamo gli assassini??Negare sempre. è la soluzione migliore,della serie chi mi crede, mi segua.
    buona giornata!

    RispondiElimina
  8. Mia cara Nicole, purtroppo capitano, fortunatamente di rado, queste situazioni che i filosofi avrebbero definito paradossali....L'importante è avere la possibilità di chiarire la situazione, e uscirne vincitori...ti chiedi come mai incautamente hai impugnato il pugnale..e hai anche provato ad abbozzare una difesa....Perchè a volte l'istinto supera la ragione...perchè capita di trovarsi davanti alle situazioni e avere poco tempo per pensare come reagire...e l'impulso porta a scegliere la via più ovvia...che non sempre coincide con la più giusta...cosicché si incappa in queste situazioni paradossali, dove capisci che se stavi in silenzio e lasciavi che la tempesta si sfogasse, forse ne saresti uscita indenne....Non è un problema di essersi fumati il cervello...semplicemente si agisce d'istinto, impeto e a volte si peggiora la situazione...meno male che c'è la possibilità di rimediare, ma soprattutto che si abbiano le carte per scagionarsi e uscirne comunque indenni...Purtoppo nella vita ci sono troppe maschere, una per ogni evenienza...non è bello...quanto meno non sempre...poi, la cosa importante è che veramente l'erba del vicino non è sempre la più verde...bisognerebbe imparare a stare nel proprio, e dare il massimo per rendere il proprio il più verde...non si sa mai cosa si può trovare dal vicino...ti sembra di conoscerlo da sempre..e poi come nei film gialli...scopri che non è un così buon vicino come pensavi che fosse...meglio far leva sulle proprie forze, che nella vita..non si sa mai...
    Son felice che stasera sia finito il viaggio nevrotico, ora solo "disintossicazione"...e il recupero completo per goderti la serenità e la felicità!!!
    Un abbraccio, con affetto Debora.

    RispondiElimina
  9. Certo, succede anche a me, reazioni che non mi appartengono, nate da chissà quale regionamento contorto, e strano istinto. E poi mi sento un deficente, e cerco di recuperare con dignità, anche se non è sempre facile o possibile. Ci sono delle persone che sembra riescano a trascinarti nel loro modo di fare, almeno la prima volta che le incontri, invece noi abbiamo un nostro modo di fare e quello dobbiamo usare sempre.
    Buona disintossicazione :)

    RispondiElimina
  10. Sono felice per te, cara amica mia. Pur fra alti e bassi, la decisione di concludere qualcosa ed iniziare una nuova fase è sempre positiva. Pur fra alti e bassi, chiaro: non saremmo umani diversamente!
    Sono felice per te, Nicole. Di seguirti, di leggerti, di aspettarti. Un bacio grande!

    RispondiElimina
  11. riprendendo il discorso di ormoled penso che più che trascinarci certe persone, siamo noi che ci adattiamo per il piacere di stare con le persone e di carpirne interessanti sfumature. certo le maschere le abbiamo e ci complicano anche parecchio la vita. non ci credo alla necessità delle maschere per non essere feriti. se uno ha una struttura di acciaio trasparente non teme l'attacco di nessuno. non so questo post mi ha fatto venire in mente quei rapporti a compartimenti stagni dove tutti sanno tutto l'uno dell'altro, ma poi ne parla solo con una persona alla volta, senza mai esporsi, sempre avvolto nelle formalità delle relazioni, o meglio nelle formalità nelle quali certa gente infila le relazioni.

    RispondiElimina
  12. Eh si!Meglio curare l'erba propria...magari a furia di guardare quella altrui la nostra potrebbe seccare ;)

    Aspetto la svolta allora, a conclusione di questo viaggio inside nella nevrosi!
    Un bacio grande.

    RispondiElimina
  13. Ciao Nicol...che ti stà succedendo?è chiaro che sei in collera con qualcuno...anche rileggendo il tuo post precedente...si capisce bene.In questa fase mi ci sono trovata anch'io.Ti capisco tanto tesoro.Posso darti un consiglio?Cerca di essere sempre te stessa...con testa alta,non essere preda.Io ci ho lavorato tanto su me stessa per essere quella che sono oggi,forte.Tu sei una persona dolcissima,e molto determinata.Brava!sono contenta per te,buona disintossicazione anche da parte mia.Un abbraccio sincero.

    RispondiElimina
  14. ..sta per iniziare un altro viaggio..un altro nevrotico intendi ? Anche i viaggi nevrotici hanno il loro fascino ;)

    Ho capito cosa intendi dire, quel tipo di situazione inverosimile accade ,eccome ! ..per fortuna non troppo spesso..e quando ,maledizione, accade allora per qualche frazione di secondo (una piccola eternità) ti ritrovi progettato in un'altra dimensione..e ..implodi..,ma nessuno se ne accorge e la rabbia interiore fermenta..ma sei paralizzato..impotente dinnanzi a evidenze fasulle...allora non restano che due alternative: o te ne sbatti e te ne vai,oppure cerchi di spiegare..ma lo trovo quasi degradante,perché ha il sapore della giustificazione..

    ciao Nicole, una giornata pazzerella per te :)

    Alessandra

    RispondiElimina
  15. A volte ci si difende perché troppi “omicidi” altrui ce lo hanno inconsciamente insegnato. Ci si difende perché è quasi una prassi. E si sbaglia, certo. Si lascia il cervello a casa. Ci si macchia ancora di più. Ma credo che alla fine i conti tornino sempre. Se non lo pensassi potrei anche gettarmi nel vuoto subito. Dunque, sorpassa l’errore e rinasci. Disintossicati….

    RispondiElimina
  16. Ma chiarire a tu per tu Mai?

    Ho avuto modo di leggerti, in questo post e in quelli precedenti, quello che mi è arrivato tanta sofferenza da parte tua.

    Nicole, il problema è tuo!!!

    Incolpi gli altri dei tuoi malesseri, i parenti, persone che prendi di mira che magari non sanno nemmeno della tua esistenza.

    Sei gelosa di qualcuno che ti ha rubato l'amica del cuore?

    Ma quanti anni hai Nicole? Forse nemmeno più alle elementari si fanno questi ricatti morali.

    Non puoi cambiare le cose a tuo piacimento, le cose accadono il mondo varia, si chiude una porta? Bene! Vorrà dire che aprirò un portone.

    Smettila di recriminare, vivi la vita per quello che è con i suoi difetti, lascia andare le persone, se son vere amiche torneranno da te.

    RispondiElimina
  17. Cara Ariel, mi conosci? Hai mai mangiato al mio tavolo? Conosci i miei parenti o a chi mando messaggi subliminali?
    Ma non mi stai per caso giudicando anche tu e a che titolo?
    L'amica del cuore? L'ho persa dieci anni fa. Ora ho altre amiche che sto rivalutando come meritano.
    Il mio blog è vario...scrivo di tutto. E mi piace che ognuno mi dica la sua...Ma guai a giudicarmi. Io non giudico nessuno e se lo faccio me lo tengo per me.
    Quindi leggi bene e meglio la prossima volta.
    E chi ti dice che io non chiarisca anche a voce?
    E non crearti falsi nick...trova tu le palle di dirmi le cose in faccia!

    Predichi bene e razzoli male 'amico'.

    RispondiElimina
  18. Ah ma forse ti sei offessa, per via del post precedente. A parte che era un post metaforico...ma non importa. Ritorna nella favoletta e restaci!

    RispondiElimina
  19. Non ci posso credere ahahahah...ti sei sentita offesa, perchè ho menzionato un cartone animato? Helppppppppppppppppppppppppppppp!

    RispondiElimina
  20. Io ancora una volta rimango senza parole.
    Un mio amico direbbe: "Mi sembra di sogna'!"...e da una parte spererei fosse così...ancora una volta arriva l'ulima arrivata che si prende la briga di dare giudizi, muovere accuse e dare consigli ed insegnamenti...Cara, ma ti rendi conto? Ma a te piacerebbe se io venissi a casa tua e cominciassi a dare in escandescenze senza nemmeno conoscerti e a dirti come sei che problemi hai e come vivere la tua vita? Io penso che non gradiresti una piazzata del genere. Nicole, ti ha risposto bene, che diritto hai di venire nel suo blog e sparare a zero su di lei? Ho già detto e sostenuto in un'altra occasione, che non voglio fare l'avvocato difensore, ma siccome mi piace il rispetto e la convivenza pacifica, e siccome e soprattutto Nicole è una mia amica e come tale sento di esserle al fianco, voglio dirti che non puoi venirtene nel suo blog e dire ste fregnacce a suo carico. Se hai dei problemi, e ti senti chiamata in causa per qualcosa prima di tutto la contatti privatamente, e le chiedi spiegazioni su quel qualcosa che ti ha infastidita..Vi conoscete di persona? Benissimo, allora visto che ti piace il confronto visivo, la chiami e chiarite viso a viso, non che te ne esci fuori con questa aggressività proprio gratuita.
    Ma ti sembra di andare da lei e dirle tutte quelle cose? A prescindere dal fatto che tu la conosca o meno, e se la conosci di persona ancora peggio, perchè non ci si comporta così, mi dispiace, ma così proprio non va. Nessuno ti ha obbligata a leggere i suoi post, né tanto meno a commentarli, e nella maniera più assoluta Nicole ha chiesto un tuo parere...Quindi, bella mia, vedi di bussare prima di entrare in casa degli altri, abbassa i toni, e cerca di portare più rispetto e per Nicole, e per chi ti legge, non è che ci fai bella figura a uscirtene così...
    Se non ti sta bene com'è Nicole, benissimo, non leggerla e lasciala in pace. Di tutto c'è bisogno tranne che di persone che arrivano a sputare sentenze non richieste per altro.

    RispondiElimina