mercoledì 18 marzo 2009

Oltre me...

Oggi mi sento come se fossi su quell'altalena...stordita. La Primavera ha sempre questo effetto su di me. Mi annebbia il cervello, solo verso sera comincio a carburare. Allo stesso tempo mi apre il cuore a speranze e a desideri latenti.
Sto starnutendo, una leggera allergia completa il quadro.
Mi lascerei volentieri andare senza ritegno all'accidia più esasperata...ma so che non è possibile. Io in questo periodo non lavoro fuori casa, le mie amiche sono tutte impegnate, peccato...mi piacerebbe che qualcuno guidasse accanto a me in silenzio. Mi piace guidare , ma sono troppo stonata per farlo oggi...si, mi piacerebbe lasciare andare il mio sguardo attraverso il finestrino e non parlare , solo un pò di musica e i miei pensieri. Vorrei andare al mare, guardare i fiori che nel giardino di casa stanno per esplodere in tutto il loro splendore...E poi passeggiare in riva al mare e non sentire il bisogno di parlare, ma avere al mio fianco una presenza amica. Non ho più amiche del cuore una è morta tempo fa...un'altra mi ha tradito con la stessa forza di Bruto. Io da allora ho chiuso il mio cuore...Ho tante amiche e anche care, ma non ho più la parte simbiotica di me, quella che ti legge dentro, quella che se stai in silenzio non hai bisogno di giustificarti, quella con cui ridere o piangere a volte senza un perchè.
Mi manca Anna e il suo sorriso, ci conoscevamo dall'asilo...ma lei non può più tornare. Con l'altra poi, eravamo nate quasi insieme, i nostri genitori erano amici...Dio che male mi ha fatto, ha spezzato qualcosa per sempre dentro di me.
Lo so, non sono la prima e non sarò l'ultima...e ne sto parlando per la prima volta oggi, dopo 'un'eternità'....Ma oggi avevo bisogno di questo...avevo bisogno di affetto incondizionato, avevo bisogno di un punto di riferimento oltre me...

18 commenti:

  1. Capisco il tuo stato d'animo, a volte capita anche a me di sentirmi così...Anche io ho avuto brutte esperienze di amicizie, persone che fino a quando è stato tutto bello avrebbero dato anche la vita, ma poi alla prima difficoltà si sono allontanate addossando la colpa...La mia amica del cuore,diciamo così, si è trasferita di città, non siamo tanto distanti, circa 25 km, ma ormai abbiamo strade diverse, compagnie diverse ma l'amicizia che ci lega è la stessa dei tempi della scuola. Ora aspetta una bambina e mi tiene costantemente aggiornata..L'altra mia più cara amica, forse dovrei dire la mia seconda e ultima amica del cuore, è invece a me vicina, sempre e comunque, una vera e propria sorella. Un'amicizia nata per caso, nemmeno tanto tempo fa, forse 7/8 anni fa, ma ormai indissolubile. Siamo molto diverse, ma forse è questa nostra diversità a tenerci unite, e lo stesso vale per il marito di lei con mio marito. La nostra amicizia è fraterna e vera, senza limitazioni senza compromessi. Ma ti confesso che oggi solo su queste due persone possiamo contare veramente. Una volta Alessandro Haber nel film I Laureati di Leonardo Pieraccioni disse una frase che ho fatto mia, che descive concretamente quello che secondo me è la realta: "I veri amici sono uno o due, tuto il resto fa volume!"..E io penso sia realmente così. Mi sono sposata 1 anno e mezzo fa, al mio matrimonio c'erano un sacco di amici, o meglio che io credevo tali, invece ti dico la verità, di tutti i presenti 2 erano quelli del cuore e 4 quelli cari..Il resto era solo volume, e tornassi indietro sicuramente non l'inviterei perchè son certa son venuti per "curiosità" più che per amicizia..Quindi non ti abbattere, l'amicizia è un dono prezioso, ci sono molte frasi e molti aforismi che parlano d'amicizia, e molte sono descrittive di sentimenti che noi proviamo tutti i giorni..Non è facile essere amico, e non è facile trovare un amico..Potrei stare ore a dirti cosa è per me e cosa pensio io dell'amicizia..Ma non voglio tediarti..E' importante ritagliarsi dei momenti proprio soli con se stessi, dove abbandonarsi ai propri pensieri..Io quando voglio farlo vado sul mare, lascio che il vento accarezzi i miei capelli e mi lascio cullare dal suono melodico del mare che prende i miei cattivi pensieri e me ne dona di buoni di sereni..E' cos' che ritrovo la pace e la serenità dopo i brutti momenti...
    Debora-pasticcio_81-

    RispondiElimina
  2. Nicole ehhh se vuoi la faccio io l'amica seduta in auto vicino a te.
    Quindi sto zitta.

    RispondiElimina
  3. Sull'amicizia tocchiamo un tasto dolente per me.
    Ho un'amica di vecchia data, ma vive distante da me anche se siamo sempre in contatto. Per il resto un paio di persone care, ma niente di più.
    Quell'amicizia di cui parli tu e che purtroppo hai perso, è una parte di vuoto che si ha nella vita. Arrivi ad un punto in cui ti chiedi che cosa hai che non va, perchè la solitudine profonda è quella che alla fine ti rimane, nonostante giornalmente puoi trovarti attorniata da più persone.

    Poi ti guardi dentro e cerchi le risorse per non sentirti sola, ma è la cosa che più di tutte fa paura, la solitudine. Questo per dirti che comprendo a fondo il bisogno di sentire una presenza che doni conforto incondizionato.
    Il modo più bello di dare e ricevere affetto è: incondizionato!

    A me piace guidare e mi rilassa; mi piace percorrere lunghi tragitti di stradine circondate da paesaggi naturali.

    Quando meno te lo aspetti, comunque potrebbe ritrovarsi sul tuo cammino qualcuno capace di entrare in sintonia con le tue vibrazioni. (Questo è quello che io voglio sempre sperare per me!).

    Un saluto sincero.

    RispondiElimina
  4. Effettivamente amici amici si possono contare pochissime persone..quasi su una mano sola..Se la perdita poi è dentro quella mano è una sofferenza notevole...Comunque anche una bella camminata da soli a contemplare le bellezze della natura è un vero toccasana...
    Un caro saluto

    RispondiElimina
  5. Specchiarci in noi stessi è basilare,ma a volte non basta.

    RispondiElimina
  6. A volte, molte volte a dire il vero, penso pur io alle mie amicizie. Io non ho mai realmente voluto un'amicizia compatta, stretta, forte e manchevole. Ho sempre donato piccole parte di me ad ogni persona che riusciva a storcere un sorriso. Possiamo vedere il tutto come un mare di amici, in un nulla circostante.

    Sarà anche per quello che sono sempre malinconico. E che questo è una parte di me. Semplicemente. E io sono Vanesio. Adoro come sono fatto, anche se comprendere a volte che essere così non è il massimo.

    RispondiElimina
  7. Ciao Nicole, è davvero doloroso perdere le "amiche vere"...e quindi sento tutto il tuo bisogno...sento anche questo stato d'animo che descrivi...che a mio modo di sentire è un po' quel paradosso che la Primavera ad alcuni fa sentire...da una parte la natura che si sta risvegliando in tutta la sua bellezza...e dall'altrta (ma forse io dico...quando ci sono state perdite importanti..)il non poterne godere in pieno perchè il nostro cuore in fondo in fondo si porta dentro una amarezza difficile da ingannare completamente anche con tutto lo splendore della Primavera...
    Ci sentiamo cara Nicole...e spero che tu sia risalita un po'...magari già mentre ti scrivo, visto che un po di tempo è passato...
    Buona serata
    Franca

    RispondiElimina
  8. Le vere amiche sono rare sai, anch'io ne ho molte ma alla fine non sono così intime come vorrei. In ogni caso sono più loro che si appoggiano a me perchè sono la saggia del gruppo.

    Ti invio un abbraccio cara

    RispondiElimina
  9. Amico, Amica, parole che indicano un qualcuno in cui crediamo e ci confidiamo, molte volte mi è capitato di perdere un amico o una amica, perdere per significa che non è piu mio amico, essere tradito da chi credi e da chi hai messo in mano i tuoi segreti, i tuoi piaceri, la tua anima, per poi accorgerti che la persona non ha saputo darti quello che tu hai dato.
    Negli anni passati, ho perso amiche e amici, di loro pochi ancora nei miei pensieri rimango e le domande che a volte mi pongo trovano ancora poche risposte, ai loro comportamenti.
    Altri non ci sono piu nella vita terrenea, ma nel mio cuore hanno il loro posto.
    L'ultimo di quelli che credevo nella sua amicizia e che per lui ho fatto salti mortali, mi ha tradito come un Giuda, ora è il mio migliore nemico, che scambio di ruolo, il suo tradimento non è stato per donne, ma solo per la voglia di essere superiore agli altri e specie nel farlo con chi era suo amico.
    Credo fortemente ancora nella vera amicizia, il blog è fondato su questa parola, chissa perchè ora pensadoci bene i migliori amici che ho sono donne!!!! l'amicizia tra uomo e donna forse è quella che ha meno tradimenti, è quella che nel tempo dura di piu, nel blog ne ho trovate tante e posso giurare che sono vere.
    Voglio concludere regalandovi una frase che è scritta nel mio blog e che spero che molti di voi piace. ciao a tutti

    ...nella solitudine, nella malattia, nella confusione, la semplice conoscenza dell'amicizia rende possibile resistere, anche se l'amico non ha il potere di aiutarci. È sufficiente che esista. L'amicizia non è diminuita dalla distanza o dal tempo, dalla prigionia o dalla guerra, dalla sofferenza o dal silenzio. È in queste cose che essa mette più profonde radici. È da queste cose che essa fiorisce....

    RispondiElimina
  10. allora, nella parte iniziale del post é la primavera che comincia a farsi sentire in tutte le sue manifestazioni fisiche e psicologiche, e tu descrivi molto bene lo sato in cui vorresti perderti: Acqua, Sole, Vento, Onde e profumi mediterranei e da questa immagine farti accarezzare, trasportare...volare, cavalcare le Nuvole.
    Nella seconda parte parli dell' Amicizia...discorso complesso e intimamente vissuto.

    Dici "...E poi passeggiare in riva al mare e non sentire il bisogno di parlare, ma avere al mio fianco una presenza amica. Non ho più amiche del cuore una è morta tempo fa...un'altra mi ha tradito con la stessa forza di Bruto. Io da allora ho chiuso il mio cuore...Ho tante amiche e anche care, ma non ho più la parte simbiotica di me, quella che ti legge dentro, quella che se stai in silenzio non hai bisogno di giustificarti, quella con cui ridere o piangere a volte senza un perchè. "

    Veramente soffocante questo pezzo del post come se urlassi al Cielo di ridarti il mal tolto, quelle amicizie che andavano oltre...quasi un amore coltivato interiormante come parte di te stessa...
    e ancora: " Mi manca Anna e il suo sorriso, ci conoscevamo dall'asilo...ma lei non può più tornare. Con l'altra poi, eravamo nate quasi insieme, i nostri genitori erano amici...Dio che male mi ha fatto, ha spezzato qualcosa per sempre dentro di me. "

    Concludo dicendoti che questo post mi da conferma di una personale convinzione: L'amicizia é un campo da coltivare quotidianamente, e quantunque si trovino di volta in volta delle erbacce( incomprensioni o come tu dici tradimento), queste se estirpate in tempo( venir meno dell'orgoglio) non la soffocheranno mai.

    RispondiElimina
  11. ...a volte sbagliano, a volte sbagliamo...come in amore, a volte recuperano a volte recuperiamo, a volte finisce...ci rimane il loro sapore...allora dondolati o siedi dietro con me, qualcuno che ha voglia di guidare c'è sempre, "portaci al mare, perfavore "!!!

    RispondiElimina
  12. Vieni a Roma che ti sto aspettando da troppo tempo:-)
    starò in silenzio se vuoi, guido io non ti preoccupare!!
    ti abbraccio forte, sei una persona meravigliosa!

    RispondiElimina
  13. CIAO NICOLE, SI SENTE CH HAI SCRITTO COL CUORE. MI PIACE LEGGERE I TUOI POST, OGGI MI SEMBRA DI ESSERE A CASA, INVECE SONO AL LAVORO TORNERO' PER FINE SETTIMANA TRA LA MIA FAMIGLIA. QUELLO CHE HAI SCRITTO SULLA AMICIZIA MI HA COMMOSSO E ANCHE SE TU HAI SCRITTO CHE UNA TUA AMICA TI HA FERITA, SI CAPISCE CHE TU LE SEI ANCORA AFFEZIONATA E FORSE CON UN PICCOLO SFORZO POTRESTE RICOMPORRE LA VOSTRA AMICIZIA.
    GRAZIE PER IL TUO COMMENTO, SAI NON GIRO MOLTO ON-LINE, SOLO ALCUNI BLOG STRANIERI E QUANDO HO TEMPO LIBERO DURANTE IL LAVORO.

    RispondiElimina
  14. affetto incondizionato presente! più incondizionato di così?..nemmanco ti conosco ma lo do via volentieri st'affetto!eh!

    RispondiElimina
  15. Ho provato anch’io quella sensazione, così dolorosa e frustrante.
    E’ come se con la morte di un amico o di un’amica che sapeva “leggerci” dentro con tanta profondità e rispetto, siamo stati d’ora in poi condannati a vivere con persone spesso ottuse che a loro volta… ci ottundono.
    Ed in che cosa ci ottundono? Nella voglia di capire e (perché no?) anche di indignarci, nella capacità di provare ammirazione e perfino esaltazione per un grande libro o disco, nella forza di stare all’opposizione anche da soli, magari correndo il rischio di passare per idealisti o addirittura asociali.
    Senza certi amici, senza certe amiche rischiamo di diventare un po’ più aridi ed indifferenti.
    Ma il ricordo di quella, come dire?, anti-banalità rimane. E deve darci forza.

    RispondiElimina
  16. Non rinunciare a te stessa... ed a ciò che sei...
    L'ASSENZA di qualcuno può fare un male cane... ma se rinunci all'amore per te stessa e per gli altri... darai completo spazio a quel dolore... e non è giusto... per te e per quanti meriterebbero il tuo amore

    RispondiElimina
  17. gli amici..l'essenza della vita

    RispondiElimina
  18. Seguendo il tuo consiglio, sono venuta a leggerti in questo post:-)
    Tutte le perdite ci segnano, alcune volte in maniera indelebile!
    Un abbraccio

    RispondiElimina