lunedì 27 aprile 2009

Pane al pane e vino al vino.





Molti di voi avranno senz'altro sentito parlare del famoso cuoco spagnolo, Ferran Adrià...Bene è il signore che vi guarda con il suo faccione sornione ed in basso ci sono le sue 'leccornie'. Leccornie che non darei nemmeno ai miei cani .
E' un argomento che mi prende tantissimo questo e che avrei voluto affrontare da tempo. Ora è alla ribalta in Tv , ma al solito non se ne parla con chiarezza e soprattutto schiettezza, come meriterebbe. Nessuno dice incazzandosi che è tutta un'immagine costruita a tavolino e che i suoi cibi destrutturati e chimici , fanno solo vomitare. Questa è davvero un'epoca orribile per certi versi. Cesse in tv rifatte e pure male che ci propinano e presentano come super Fighe...Cuochi che cucinano in modo schifoso ( anche italiani) che passano per geni. E' tutto un lecca lecca...tutto finto.
Chi sono io per dirlo', nessuno per carità...ma anche se il mio blog è impostato su altro , io mi sono occupata di cucina . Mio padre era un appassionato di cucina, così appassionato, che pur facendo altro , aprì un ristorante di successo. Un ristorante che esiste tutt'ora, ma che io non seguo più...perchè occuparsi di un ristorante a tempo pieno, ti porta via tutto. Smisi di insegnare per occuparmene ,curiosare e inventare anche io delle ricette. Ma è una storia lunga e non voglio di dilungarmi. Ah giusto per informarvi...si guadagna tanto, se il ristorante va bene, ma tanto tanto è un lavoro faticoso ma rende, non credete a chi dice il contrario. Scrivevo anche sul giornale locale di cucina.
Quindi mi prendo il diritto di dire la mia!
Quella poltiglia verde in foto potrebbe essere di tutto...compreso un pollo arrosto , patate fritte o un risottino con gli asparagi. Ora ditemi voi, come può lasciarti piacere in bocca una cosa del genere. La chiamano anche cucina Mononucleare...ma non vi inquieta tutto questo?. Immaginate una famiglia a casa o al ristorante che mangia di gusto , pappine e gelatine al gusto di carbonara o scaloppine al limone.
Ma ci hanno preso per deficienti o cosa? Ogni tanto fanno vedere qualche cazzone con la faccia estasiata che dice rapito qualche fregnaccia sulla bontà e genialità del Cuoco spagnolo. Salvo ritornare a casa e fiondarsi sulla prima cosa che trova di commestibile.
Questo dovrebbe dire Striscia invece di dilungarsi in inutili bla bla bla. Abbiamo una cucina mediterranea unica al mondo. Ogni Regione ha una sua cucina tipica e una varietà di prodotti incredibili. E scimmiottiamo questo e quello, pur di sembrare evoluti . Di evoluto c'è solo un mercato che ha capito i punti deboli e che nasconde interessi economici incredibili. Fondazioni, e chissà cos'altro. Io mi tengo la mia cucina...i pomodori che sanno di pomodoro e gli spaghetti fumanti da attorcigliare alla forchetta che dirvi, fate VOBIS!

21 commenti:

  1. Si che lo conosco.....e so che è anche andato a striscia la notizia.
    Comunque ti ringrazio molto per le tue parole.

    RispondiElimina
  2. Nicole,
    SI ci scambiano per deficienti...e MOLTISSIMI LO SONO!!!!!!!!!!!!!!...Questa è la TRISTE verità...!!!!!
    Un bacione..

    RispondiElimina
  3. bellissimo post!!! ...'fanculo ferran adria' e heinz beck! viva pane e olio, magari con una fetta di pecorino. viva tonno, fagioli e cipolle, viva spaghetti-pomodoro-e-basilico, spaghetti-alle-vongole. ecc ecc ecc
    viva nicole!

    RispondiElimina
  4. nella foto sembra la versione sfigata di Santoro

    RispondiElimina
  5. dopo di questo .... non so che differenza ci sia tra lui e un McDonald's ...

    RispondiElimina
  6. Beh devo dire che da buon terrone non posso fare altro che apprezzare il tuo post, io adoro parlare come mangio, ma soprattutto mangiare mentre parlo (a differenza di montalbano)...ecco ora mi è venuta fame...a forza di pensare a pane e olio e sale...a quelle buonissime bruschette fatte a casa...mannaggia

    RispondiElimina
  7. Non so.. quando ero piccolo la pappetta forse la mangiavo anche, ma da quando ho messo i denti mordo e strappo.
    Vogliamo parlare di tutte quelle porcate che ci propinano in tv e sugli scaffali dei supermercati?
    Purtroppo siamo quasi costretti a mangiare cose che fanno male, combinazioni di pesticidi e conservanti, se non peggio.
    Produrre il biologico costa meno, ma lo paghiamo di più.. fortunato chi ancora può permettersi carne e verdura vera, magari del proprio orto.

    RispondiElimina
  8. Effettivamente, da Polentone veneto, direi che ha più gusto un solo piatto di polenta. Rigorosamente bianca però.

    Ma poi se diventa modo, ovviamente poi tutti la vogliono.

    RispondiElimina
  9. Ciao Nicole,dal cuoco Nero_Catrame,amo il mio lavoro e lo faccio con passione,ma come in tutte le cose odio gli esaltai e ancora di più chi esalta gli esaltati.La cucina è ricerca,il trovare i giusti accostamenti di sapori,l'abbinare i prodotti naturali nella giusta armonia.Qua si va al di là della scienza e fantascienza,siamo arrivati a classificare cioccolata un elemento che ha uu bassissimo contenuto di cacao,formaggio senza caseina,stiamo andando troppo oltre pur di stupire,e non è l'oltre me tuo.Sono per una sana cucina casalinga,magari leggermente rivisitata e riproposta con decorazioni che aggradano anche la vista.Il sapore sta nel tocco della lingua in una determinata situazione,ma come ormai è scritto la cosa eccezzionale è essere normali

    RispondiElimina
  10. carissima........è tutto cosi...nella musica, il mio campo, lasciamo stare, nella politica stendiamo un velo pietoso, nella moda....nei quadri....incredibile, proprio nell'arte dei quadri una cosa oscena...... è tutto cosi....

    RispondiElimina
  11. Nell'ottica di una carenza di cibo mondiale, costui sfrutta l'alimentazione cosiddetta "alternativa". Allo stesso modo in cui qualche tempo fa era in voga la "new economy" e altre nefandezze. In sostanza: quando l'uomo si rende conto di non avere... inventa. Spesso purtroppo lo fa senza metodo e male...
    Un sorriso.
    ^_____^

    RispondiElimina
  12. in sintesi penso questo: viviamo una realtà dove tutto viene manipolato e come dimostri col tuo intervento, anche nell'arte culinaria era inevitabile un processo inverso alla normalità. Volgio dire che ciò che si inende per moderno nel senso della ricerca della NOVITA' compatibile con l'equilibrio delle cose( nello specifico alimentazione sana), DIVENTA MODERNISMO AUTOLESIONISTA rompendo di fatto il regolare vivere e produrre...ma quì entriamo nei sistemi di macro e micro economia, gli indirizzi programmatici di una società, ecc. e non mi pare utile appesantire il post, con questi argomenti, anche se indispensabili a comprendere lo sviluppo capitalista dove ci sta portando. Buona giornata.

    RispondiElimina
  13. Oh cara Nicole, intanto BUONGIORNO!! ora sì che mi diverto, hai toccato con questo post, un argomento come tu sai, a me molto caro, la cucina...Io non sono cuoca, né ho fatto scuole specifiche ma, come tu mi insegni, non è importante aver studiato per diventare cuochi di successo, tuo papà ne è l'esempio lampante.
    Per quanto riguarda questo argomento che ormai è alla ribalta, la cucina molecolare, mononucleare o come caspita la vuoi chiamare, a me, come a te, come penso alla gran parte delle persone intelligenti, sembra una gran cavolata. Intanto il nome che le hanno dato: cucina molecolare o mononucleare, a me non rassicura affatto, e soprattutto tutto mi sembra fuorchè qualcosa di naturale. Come si può considerare cibo naturale un qualcosa che non ha né la forma né il colore del cibo naturale? Non ho sentito il sapore, ma...sinceramente non ci tengo affatto....Mi hanno sempre rimproverato che, per "giudicare" un alimento va prima assaggiato, e allora si può dire sì mi piace, no non mi piace. Bene, le uniche volte che ho assaggiato un cibo che a vista avevo detto che non mi piaceva, ho confermato che non mi piaceva neanche dopo averlo assaggiato. Quindi, per quel che mi riguarda posso con certezza affermare che la cucina di questo "grande chef" non mi piace. Ma andiamo...ma con che coraggio sto popo' di buffone va in televisione ad esaltare i suoi troiai e ha pure il coraggio di affermare che è qualunque cosa si metta sulla tavola è chimico; ha portato come esempio il sale, lo zucchero...Io non sono un chimico, ma non è che perchè il sale è composto da sodio e da cloro è un prodotto chimico. O lo zucchero, il cui glucosio è composto da carbonio, idrogeno e ossigeno è un prodotto chimico...E poi, non è assolutamente vero che tutto ciò che si trova in natura sia tutto per forza commestibile. Ieri sera, a Striscia la Notizia, hanno intervistato lo chef Enrico Derflingher, il quale giustamente ha detto che anche il Petrolio è un prodotto naturale e che sfidava chiunque a berne un bicchiere...Io. come te, apprezo, stimo e sostengo la cucina tradizionale, e trovo non intelligente pubblicizzare e sostenere questa cucina molecolare tanto apprezzata da Adrià...Come ha detto ieri sera Derflingher, al piccolo chimico ci si gioca da piccoli, la cucina è una cosa seria, e dovrebbe essere nostra cura esaltare i prodotti della terra, e pubblicizzare ed esportare nel mondo le peculiarità delle varie cucine, che siano nazionale, internazionali, regionali o locali....Nella foto che hai messo a confronto, un cucchiaio di piselli, e una pappina verde, mi è venuta in mente la scena del film "Gli acchiappa fantasmi", dove c'è Slimer, quel fantasmino gelatinoso verde...E noi dovremmo mangiare quelle cose lì? Dove stà l'innovazione? E' innovazione sperimentare nuovi accostamenti, unire sapori che all'apparenza sembrano contrastanti ma che in realtà si sposano creando un connubio inscindibile...Pensiamo all'accostamento marmellate e formaggi...Un tempo avremmo riso in faccia a chi ce li proponeva, oggi invece è una prelibatezza...Io credo che dovremmo far tornare questi chef buffoni alla normalità, destrutturando la loro fanta cucina e inculcargli che la vera cucina è quella tradizionale, che ha anni e anni e forse secoli alle spalle, dove la tradizione è la carta vincente e il gusto dei sapori di una volta sono quelli che oggi si apprezzano maggiormente..
    Un caro abbraccio, Debora

    RispondiElimina
  14. grazie per la consulenza di giardinaggio.

    anche io ne ho sentito parlare e sono convinta che hai ragione...non si può mangiare così... l'Italia è un paese di gente che si vende con niente... abbiamo un patrimonio gastronomico che dovrebbero invidiarci ed invece pubbliciziamo gli altri.... quelli del cibo spazzatura.... non tutte le ricette anche tradizionali che vengono proposte sono davvero buone come fanno credere...

    RispondiElimina
  15. Più che cuoca mi ritengo 'buongustaia' e molto ma molto curiosa. Adoro viaggiare e provare la cucina tipica, in qualsiasi posto mi trovi. Vivendo in Italia siamo fortunati da questo punto di vista, abbiamo una cucina tradizionale che tutti ci invidiano e a ragione. Ogni regione ha i suoi piatti e sarebbe davvero un delitto perdere queste tradizioni culinarie per seguire mode del momento... e poi diciamocela tutta... ma vuoi mettere mettersi a tavola e gustarsi la vista ed il sapore di un buon piatto tradizionele????

    Gianchy

    RispondiElimina
  16. Se ci penso mi viene l'angustia. Anche io preferisco la mia sana cucina. Forse una delle poche cose sane che c'è di me.

    RispondiElimina
  17. Senti, in genere mi piace dare risposte lunghe e corpose, ma tu hai detto proprio TUTTO! Virtualmente ti stringo la mano. Non ho la tua esperienza, ma sono una che cucina veramente bene e che mangia meglio.

    RispondiElimina
  18. Ciao cara Nicole, mi dispiace che sei stanchissima..per me fortunatamente oggi è l'ultimo giorno di lavoro, infatti domani è il mio giorno di riposo e poi c'è il lungo ponte del primo maggio....Anche io sono a dieta, devo perdere ben 30 kg...sigh e sob...sono in cura da una dietologa, è veramente molto brava e sono soddisfatta del suo operato!! Mangio poco di tutto, ovviamente poco condimento, specialmente olio, ovviamente aboliti i cibi goduriosi come dolci fritto ecc..ecc..ma non mi pesa!!Se vuoi facciamola insieme, l'unione fa la forza!!!
    un bacione!!
    Debora.

    RispondiElimina