lunedì 7 maggio 2012

Oggi chiacchierando con un'amica mi sono resa conto ancora di più a cosa non si arrivi a fare per bisogno d'amore...
Ho sofferto di questa sindrome in passato e so come ci senta e come gli altri ci percepiscano...
Tipo gattino bagnato della pubblicità e non,così bisognoso di cure. Ma solo nei sogni e nella pubblicità trovi chi ti raccatta per 'strada' e si prende cura di te.Nella maggior parte dei casi se sei carina e un po' sopra la media, ti prendi calci nel culo o ti raccatta l'orco o la strega di turno,travestiti da buon samaritani.
Col tempo ho imparato a riconoscerli e anche se fingo di cascarci ,anche per tornaconti personali del tipo: Bene, tu ti servi di me ,io ti lascio fare in superficie e intanto  prendo il meglio di te se ce l'hai...se non ce l'hai ti fanculizzo subito.
Cinica, ma solo in apparenza, non comincio mai per prima io.
Io mi avvicino agli altri diffidente ma in buona fede. 
E ogni volta che abbandono le mie difese leggo la lucina che si accende immediatamente negli occhi di chi a parole ti comprava persino la luna.
E mi trasformo nell'ebete o nell'oca giuliva che loro credono di avere di fronte. Poi se iniziano a psicanalizzarmi è anche peggio ,lì mi improvviso attrice quasi da oscar.
In realtà molti proiettano sugli altri i loro bisogni malati. Pensano spesso sbagliando che una persona che non ha timore di manifestare le proprie ansie, dubbi,paure e fragilità,sia quasi sempre una persona da manovrare come un giochino. 
Se beccano una come me si fregano le mani...all'inizio , solo all'inizio però. Io reggo il gioco e  mi distraggo e mi diverto pure inizialmente...e sotto sotto confesso spero sempre di essere smentita, lo spero inutilmente sempre. Raramente sbaglio...
Non ho mai difeso le donne , ho sempre pensato esistano individui e non ci sia una categoria nel genere umano,peggio o meglio dell'altra.
Ma le donne quando giocano sporco, secondo me  sono più sgamabili, lo fanno perfidamente alla luce del sole.
Gli uomini in un certo senso sono più come dire...non trovo l'aggettivo giusto. 
Sono da un lato più ingenuoni, dall'altro più subdoli,perché il loro sembrare ingenui,li rende ai nostri occhi di crocerossine più meritevoli di attenzioni, facendo scattare l'istintoi del: Io ti salverò in automatico.
Ultimamente ho avuto corteggiatori che hanno partecipato al Concorso: A chi la spara più grossa, di cazzate intendo...
Siiiiiiiiii!? Ho sgranato gli occhioni e ho fatto finta di abboccare, mi divertiva vedere dove si voleva arrivare. Certo che per cercare di portarsi a letto una donna alcuni non sanno più cosa inventarsi...deve esserci in giro un'epidemia di fighe di legno mai vista prima, sarà la crisi che investe anche nel campo fornicatorio come mai in precedenza.
Dalla commedia alla tragicommedia, di tutto e di più.
Dalla gelosia otelliana, ai finti tentativi di suicido mediante perdita di appetito...alle cazzate dette, che non racconto,perché se mi leggono ci rimangono troppo male...e in fondo in fondo non sono così stronza. Quante risate mi sono fatta, alcune anche amare...
Del resto cosa cerca un gattino bagnato fradicio...un po' di latte caldo e un ambiente caldo. C****o! Per un po' di 'latte caldo ,si scatena il finimondo!
Alcuni di loro finiscono pure per crederci alle cazzate che dicono o fanno, il che è ancora più grave ,perché rasentano lo stalking .
Insomma mi rivolgo alle mie amiche e alle donne  che sentono il bisogno di una copertina, di amore o semplicemente affetto...
Un vero uomo non fa mai promesse che sa già di non poter mantenere...Un vero uomo se vuole portarti solo a letto ,non perde nemmeno il tempo a raccontar cazzate, te lo dice o te lo fà capire e basta!
Un vero uomo  trova il coraggio di amarti, per quella che sei.
 Io so che ci sono veri uomini in giro... probabilmente non facciamo la stessa strada;)











 

8 commenti:

  1. Ho letto il tuo post un minuto dopo la pubblicazione, poi ho dovuto pensarci un attimo per risponderti e non è ancora facile; ci sono troppe variabili nel rapporti fra uomini e donne, ma al di fuori di ogni ipocrisia, ( ed anche di romanticismo), essenzialmente tutto porterebbe alla realizzazione del rapporto per eccellenza: il sesso, poi ci sono tutti i condizionamenti che impediscono tale rapporto, condizionamenti che ben conosciamo tutti a cominciare dal luogo comune dell'uomo cacciatore e la donna preda, che spesso è vero, ma non sempre.
    La tua analisi mi sembra comunque altamente condivisibile e precisa.
    La chiusura del tuo discorso è veramente folgorante e un sincero augurio che nel tuo futuro si smentisca.
    Un abbraccio

    RispondiElimina
  2. Gli uomini sono essere semplici credimi. Per loro è sì o no, bianco o nero. Siamo noi a metterci tutte le sfumature.

    Buon lunedì!

    RispondiElimina
  3. Che faccio? Che dico? Come commentare un post di questo tipo dove il "maschio" fa una figura di m...a?
    Trovato! Ho la fortuna di avere la tarda età che ho e pertanto mi salvo.
    Ma, e quì la domanda sorge spontanea. Se avevo minimo trenta anni di meno come sarei stato io e come mi avrebbe giudicato la Nicole?
    Non lo saprò mai, purtroppo.

    RispondiElimina
  4. @Kylie
    Vero in parte...
    Ma sono cambiati anche loro anche per colpa nostra alle volte.
    Sono semplici con le arpie...

    RispondiElimina
  5. Prova a chiederti come erano i nostri genitori prima che nascessimo...e forse troverai le tante risposte all'analisi che sviluppi nel post.
    Col tuo ragionamento sono d'accordo su un concetto fondamentale, che è di non fare distinzioni tra categorie uomo-donna. Penso che non sia l' involucro che ci ricopre, ma la sostanza di ciò che c'è dentro di esso a distinguerci l'uno dall'altro.
    Detto questo, un po tutti ci citiamo addosso... per apparire spesso ciò che non siamo in realtà; comunque in un incontro-rapporto va sempre distinto l'Amare dal trombare.
    Il post ha una sua valenza, ma bisogna tagliarsi per comprendere cosa sia il sentir male...e anche tra l'uomo e la donna spesso per equivoci vari si tende inutilmente a farsi molto male (parlo dell'amore).
    Finisco con questo: Gli amanti vivono l'amore perchè ne fanno parte; ma spesso per l'avidità di ottenere, non sanno spiegarsi cos'è l'amore e il perchè sono l'amore stesso...per questo soffrono il loro fallimento come individui.

    Ti abbraccio, eros...

    RispondiElimina
  6. Il tuo ragionamento fila, e mi trova d'accordo, anche se non ne condivido le conclusioni. Le trovo incoerenti (scusa la franchezza) con il resto...
    È tutto molto più semplice, a mio giudizio: esistono persone vere e non. Il sesso di appartenenza non c'entra.

    RispondiElimina
  7. Crescendo meno si parla meglio è... ;)

    RispondiElimina
  8. Saper distinguere e valutare con chi si ha che fare non è cosa da poco,davvero.
    Un saluto alla saggia ed interessante Nicole

    RispondiElimina