lunedì 30 dicembre 2013

La variabile dei nostri cuori...

Sono tornata per restare e non solo per me. Perchè molto di voi mi vogliono bene e lo avverto.
Perchè siete fatti della mia stessa pasta e non mi attraversate.
Siamo rimasti in pochi a credere in qualche cosa. Odio questa Epoca del sentito dire, odio questo contesto storico di non appartenenza a nessuno.
 Pochi scrivono perchè sentono la voglia di farlo veramente ,qualsiasi sia il motivo. Molti scrivono adeguandosi alla moda e alle masse.
Forse perché pochi hanno una storia o più storie da raccontare.  Il web è diventanta l'ennesima cloaca di frustrazioni e processi sommari. Quanta cattiveria l'attraversa , quanta superficilità. La finestra sul mondo altro non è che una grande portineria globale. E ogni tanto qualche perla che arriva dal mare si posa e purifica mente e cuore di chi si ferma a raccoglierla.
Ma essermi intossicata mi è servito per apprezzare quello che realmente conta. Mi è servito ad appprezzare di più una passeggiata e a capire che non esistono seconde e nemmeno terze vite se non fai pace  con la prima di vita.
Ho imparato a rimensionare, ho imparato ad appprezzare di più quello che mi circondava.
No, non sono felice , ma chi lo è , solo gli stolti possono esserlo. Chi non  lo è avrà solo attimi , indimenticabili attimi di felicità e credo sia forse giusto così.
Fuori è nuvoloso e fa freddo, ma qui mi sento a casa riscaldata dal mio narrare. Non so se appparterrò mai a qualcuno, ma almeno qui sento di ricongiungermi a qualcosa di molto profondo e vi assicuro che riscalda e mi stampa anche un bel sorriso...Grazie. Vi auguro un buon anno da percorrere in parte insieme . Si è vero: Aiutati ch Dio ti aiuta, ma il destino ha sempre in serbo le variabili per tutti noi. Ecco si, mi auguro e vi auguro la variabile del vostro e del mio di cuore.
  

12 commenti:

  1. Incredibile, senza che ti avessi letta, ti avevo già risposto nel mio ultimo post...Ti auguro il meglio amica mia...andiamo avanti insieme?

    RispondiElimina
  2. Ti auguro tanta felicità... o almeno, tanta serenità.

    RispondiElimina
  3. Nicole, quando torni qui ti riconosco.
    Viene fuori la tua parte migliore, quella vera, quella che queste pagine mi hanno fatto conoscere ed apprezzare.
    Sai usare le parole con maestria: le emozioni arrivano e restano, non attraversano la pelle per sparire.
    Mi auguro che tu voglia restare e continuare a riempire queste pagine di anima.

    RispondiElimina
  4. E che siano briciole di sereni tà.

    RispondiElimina
  5. L'importante che tu ci sia, il resto conta relativamente.

    TRATTATI BENE, VEDRAI CHE TI CONVIENE.
    I miei più affettuosi auguri per l'anno che verrà domani.
    Un caro saluto,
    aldo.

    RispondiElimina
  6. Bertrand Russell sosteneva che " La felicità sta nel desiderare ciò che si ha " Molto condivisibile come concetto , in quanto desiderando un bene, un lavoro , ecc..ecc.. il fatto di possederlo, rende felici. Oggi purtroppo manca l'essenziale per vivere e la felicità rimane solo una parola senza nessun significato.
    Ciao, augurissimi, passo raramente , ma non ho perso di certo la memoria.

    RispondiElimina
  7. Nicole questo è proprio un bel regalo di fine d'anno! Keiko ha ragione su tutto, riaverti qui mi consola. Semplicemente auguri. Ho risistemato come sai un paio di blog, ti commenterò anche da lì perchè vorrei un giudizio da te, spassionato e sincero. Con stima

    RispondiElimina
  8. Scrivere per qualcuno è quasi motivo di vita. E se come nel mio caso, la vita mi chiede di scrivere allora non ne potrò mai fare a meno. Chi sa trasmettere emozioni si legge, si sente. Quasi si tocca. Auguri!

    RispondiElimina
  9. La ricerca della felicità...? E' come dire conoscere se stessi, è sapere che sono tante le variabili per comprenderla; o meglio coltivarla come si fa con un fiore.

    Si può dire basata sulla vanità, sul piacere in genere, sulla ricchezza, oppure sull'amicizia; che dire poi sulla sincerità, sulla verità ecc.

    Tuttavia la vera felicità, la si potrà trovare nella normalità del vivere quotidiano. Diversamente si potrà osservare che ci sono quelli chi fuggono gli uomini perché non hanno saputo realizzare le proprie aspirazioni.

    Buon 2014 Serè

    RispondiElimina
  10. Sei tornata con la tua carica di sensibilità che è molto importante.
    Un abbraccio forte e buon 2014!

    RispondiElimina
  11. Eccoci, finalmente, legati alla sincerità e alla concretezza della vita reale che, attraverso una finestra su un blog, si palesa ai lettori che con affetto continuano a seguirti (compreso me, cara Zia). Felice 2014

    RispondiElimina