martedì 10 gennaio 2012

Un mancato giro sulla giostra....

Sono a letto con l'influenza e ho ripristinato il PC portatile...Ho ritrovato questa bellissima canzone, che ha un testo molto forte.
Un testo disperato.
Chiariamo subito una cosa: Non è un messaggio subliminale rivolto a nessuno. Magari, avessi avuto in passato un uomo meritevole di così tanta sofferenza. Ci vuole anche un merito speciale,per esser ricordato come un Grande stronzo che ti ha spaccato il cuore.
Se ho ferite sono ferite di altro genere e natura.
Non di natura passionale...A dire il vero se penso al passato mi viene ancor più freddo. Avevo un 'amore' che proveniva direttamente dal Circolo polare Artico.
Il massimo della passione era il bacetto al mattino...roba da brivido caldo;)
Ma erano altri tempi...
Cercavo rifugi e mi rifugiavo nel Freezer più vicino.
La passione mi faceva paura...E ora forse capisco il perché...Ma tante volte è meglio bruciare un giorno eterno all'inferno, che vivere 'un'eternità' di calma piatta e di freddo intenso, che nessun fuoco può riscaldare.
Fu così che un giorno inventai un personaggio...Una donna che era il mio apparente contrario. In realtà ero sempre io, la mia parte che trattenevo e che mandai avanti per compiere una missione.
Ridacchio febbricitante...
Ingannai, ingannandomi...Troppo lungo il discorso. Non so se sia qui, il caso di raccontarlo. Ma credo sia degno di una sceneggiatura da film.
Dico solo che feci credere ad un uomo di essere in un modo, in realtà ero anche altro...ma impersonai due personaggi e lui non si accorse mai, che ero in realtà sempre io.
Si, e si perse il meglio di me...Ed io persi la possibilità di vivere prima determinate pulsioni ed emozioni.
Questo succede quando ci condanniamo da soli ad una vita che in realtà non ci piace. Questo succede anche quando, incontriamo qualcuno, che non è in grado di 'leggerci'...
Si, dico a te, che ogni tanto vieni a spiarmi su queste pagine. Non hai capito un cazzo...Quella con cui volevi tradirmi ero sempre io.
Pensa te...anelavi ad una, che già avevi.
I più non capiranno questo post, ma tu ed io...e due o tre persone si.
Pensa te, che gran coglione sei stato.
Si, davvero un gran coglione...avevi vicino una 'Stronza' e non te ne sei nemmeno accorto.
Potevi salire sulla giostra e divertirti pure tu...Che ti sei perso, neanche lo immagini.
P.S
Non hai mai capito l'essenza, la fragranza, l'ardore, la follia...Riconosci solo l'ovvietà. L'ovvietà ha un altro nome. Sono felice di non averlo quel nome.

11 commenti:

  1. :))) ti penso.Un bacio alla più passionale,dolce e poliedrica blogger del web.
    Un abbraccio Sere.

    RispondiElimina
  2. ":))) ti penso.Un bacio alla più passionale,dolce...."

    Ci dica , signore, ai quali dei personaggi inventati da Sere pensi di rivolgerti ora? :))))

    RispondiElimina
  3. Ciao...
    Praticamente gli hai offerto ciò che lui mai avrebbe potuto cogliere della vera te, perché non lo avrebbe mai e poi mai visto. perché ognuno di noi e tanti piccoli uno... che poi siamo sempre e solo uno, ma moduliamo la frequenza in base a quanto possono "accogliere" di noi! Come una matrioska, solo pochissimi arrivano al nostro essere assoluto...

    RispondiElimina
  4. @ rabbah

    ...veramente avevo intenzione di rivolgermi all'autrice nel suo complesso, che evidentemente, se sa renderli così credibili e veri, li racchiude in sè un po' tutti..:)..
    Questa giovane donna non finisce mai di sorprenderci vero Rabbah?:).. Stupire sembra essere una sua prerogativa innata:)

    RispondiElimina
  5. non c'entra niente con il post,
    volevo solo ringraziarti per il commento.
    mi ha commosso davvero.
    e non sono uno che si commuove facilmente:)

    RispondiElimina
  6. dimmi Zu hai la febbre alta per caso? Un post così è di una debolezza estrema verso te stessa e verso chi dovrebbe ricevere il messaggio.
    maaaah?
    va beh hai l'influenza, avrai i dolori della stagione...tutto quello che vuoi, ma cazzo ti stai piegando su te stessa; e così altro che dire, pensare e scrivere come concludi tu il post:

    " Non hai mai capito l'essenza, la fragranza, l'ardore, la follia...Riconosci solo l'ovvietà. L'ovvietà ha un altro nome. Sono felice di non averlo quel nome "...e quale sarebbe?

    e che vuol dire? SE L'AVESSE CAPITO, MICA AVRESTI AVUTO BISOGNO DI COMPORRE QUESTO PUZZLE.

    Ciao Zulina, e tante coccole da eros...

    RispondiElimina
  7. Little Minks Breaker11 gennaio 2012 13:11

    Ho iniziato a leggerti da poco Nicole/Serena e devo dire che mi piace molto quello che scrivi e come lo scrivi, davvero non ci si annoia!
    Sembri una persona in movimento verso qualcosa di importante, buon viaggio, io un occhiata al tuo blog per sapere gli sviluppi continuo a darla.

    RispondiElimina
  8. @ erosuccio
    Diamine, certo che ho la febbre,ma una febbre vitale!
    Denota debolezza? Questione di punti di vista:)
    Io la chiamo liberazione!

    RispondiElimina
  9. a Zulina

    ahahahahahhaahhhahhahah,ahahahahahh,ahahhaahh...
    "erosuccio" mi piace...Sììì hai una febbre da cavalla!!! ma sembra che ti faccia da antibiotico...quando si dice l'effetto CHIMICA, che non è la pastiglietta da labortorio, ma lo spirito di reazione.
    benone Zu, buona guarigione da eros...a poi

    RispondiElimina
  10. "Questa giovane donna non finisce mai di sorprenderci vero Rabbah?:).. "

    Alessandro, oltre Dio, la donna rimane il grande mistero del umanita :))). e anche se non potremo mai decrittarli, il beneficio sta proprio in questo tentativo, esperimento. i vantagi di questa ricerca gli raccogliamo durante il camino che ci porta verso una soluzione. una soluzione dico, non un risultato finale, perche questi due lascerano sempre spazio per dibatito. ecco il motivo per quale mi sento attrata da loro :)))

    RispondiElimina
  11. Un po' di sano orgoglio, viscerale.
    Ma i cammini ogni tanto si deviano, e non resta altro da fare che continuare a percorrerli. Insieme o separatamente. Soprattutto quelli della conoscenza di se stessi e del proprio partner.

    PS: Con cosa la curi tu l'influenza: col vetriolo? :D

    RispondiElimina