domenica 11 dicembre 2011

Volete rosicare?

Se non volete rosicare ,perché oggi forse vi sentite tutto sommato discretamente,non aprite questo blog che vi linkerò! Se invece volete rovinarvi la giornata, ma avere sempre più consapevolezza del termine ingiustizia, beh...aprite il link e indignatevi, perché questa è vita reale,quella che si consuma alle nostre spalle e che noi tante volte alimentiamo... Gente che ci dice come vivere quasi di stenti,che chiede sacrifici e poi vive con pensioni d'oro con solo pochissimi giorni di lavoro.
Io mi sento presa per il kiulo e voi!?

http://nonleggerlo.blogspot.com/2011/12/pensioni-che-resteranno.html


Aggiungo inoltre: Stipendi dei giornalisti,di dirigenti e personaggi vari, investiti di incarichi e mansioni fantasmi, false pensioni, baby pensioni...Ed è solo la punta di un ICEBERG!!!

9 commenti:

  1. Il peggio deve ancora arrivare...

    RispondiElimina
  2. Ed io che sto tremando in attesa del "verdetto finale" perchè percepisco una pensione inps che dista dai 1000 euro ma con gli assegni di famiglia.
    Ladri, mascalzoni e svergognati.

    RispondiElimina
  3. Brava Nicole ottino pensiero. Sareppe opportuno non stare a guardare ma scendere nelle piazze e protestare.
    Un abbraccio
    Maurizio

    RispondiElimina
  4. ci sarà forse un tempo nel quale invece d'incazzarci, una volta per tutte abbandoneremo il sistema del privilegio, quello del parlamento, delle elezioni e dei governi!?!??!

    RispondiElimina
  5. Ogni giorno ne scopriamo di nuove, siamo incazzati anche per la consapevolezza che non sta cambiando niente , tanti discorsi e poi....
    ha ragioneUIFPWo8 purtroppo pero tutte le volte che si e' scesi in piazza la situazione e' rimasta la stessa

    RispondiElimina
  6. Io ammiro il popolo egiziano che ha avuto il coraggio di scendere in piazza tutto unito e ha rovesciato il potere..
    Noi siamo degli italiani idioti che continuiamo a dir di si con la testa come quei cagnolini che metti in auto e muovono la testa annuendo ad ogni sobbalzo della macchina..
    Se avremo il coraggio di scendere in piazza forse riusciremo ad avere della vera equità, ma per ora solo tanta vaselina....

    RispondiElimina
  7. "Il peggio deve ancora arrivare"... ? No, rassicuriamoci. Il peggio, semmai, è da illustrare. Poi è da vedere se abbiamo il coraggio di ammettere, nel nostro intimo, che siamo "noi" che abbiamo selezionato la "classe dirigente", perché lecca il culo al nostro immagginario che non sappiamo emancipare da quel niente che sono le "suggestioni da spot". Infatti, quando non mostriamo di riuscirci siamo dei "falliti". Senza la mia bella nmacchina, la mia bella casa, la mia bella moglie... diceva David Byrne.

    Tutto ciò ha un prezzo: i palesi imbroglioni & le balle colossali. Il "caso" del San Raffaele di Milano è emblematico, ma non abbiamo nessuna voglia di discuterne. Basta una facciata di "bene" codificato e beviamo tutto, sul tipo che le missioni di pace servono a costruire "ponti" e "scuole". Ma ora, come possiamo aiutare il prossimo? Gli insegnamo a fare "Baghdad 2" dove è evoluto indossare una Birkin Bag? Non voglio dilungarmi a ricordare i nostrani disastri ambientai e il sistema della scuola pubblica, efficente ad assumere insegnanti di religione, in ruolo, senza concorso.
    Per contro, siamo sveglissimi a fare ragionamenti attorno ai nickname... e all'arrangiarsi che vi è attorno a tutto ciò: le pecore affermano che chi è veramente idealista deve lasciarsi morire di fame!

    Così loro ti "ricordano", se ne hanno voglia, tra una rata e l'altra, tra una partita e l'altra. Quando si viene al dunque dicono che "la realtà è ben altra". Se gli dici "fa valere i tuoi diritti" , ti dicono di non andare a votare perché tutto fa schifo.

    Non parlo di chissà quale presa di coscienza... solo che se il peggio è come lo sgradevole marito che anticamente si sposava per "ragion di stato", è avvilente constatare la poca fantasia di non riuscire a mettere su nemmeno una "bella storia di corna"...

    RispondiElimina